truffa falso bonificoPostePay e PostePay Evolution sono due delle carte prepagate più utilizzate dagli italiani. La loro larga diffusione ha indotto alcuni malfattori a sviluppare dei tentativi di frode con l’intento di intaccare i risparmi degli utenti. Nella maggior parte dei casi si tratta di truffe online che arrivano direttamente tramite email, SMS o WhatsApp ma, spesso, anche social come Facebook sono stati utilizzati in modo illecito.

Truffe carte PostePay: email, SMS, WhatsApp e Social utilizzati da cyber-criminali che vogliono prosciugare i risparmi dei titolari delle carte!

Le email restano lo strumento più utilizzato dai cyber-criminali per tentare di truffare i clienti di Poste Italiane o di altri istituti bancari. Attraverso falsi avvisi e messaggi sospetti, infatti, gli utenti rischiano di perdere i loro risparmi a causa di una truffa sempre più frequente, definita phishing. 

Il phishing è proprio un tentativo di frode online che sfrutta comunicazioni false e persuasive per sottrarre alle vittime informazioni sensibili. I criminali hanno appunto ideato appositi siti clone in grado di trafugare dati e password richiesti agli utenti per poterle utilizzare e accedere al conto. Molto spesso le comunicazioni diffuse dai malfattori si presentano come avvisi falsi relativi al blocco della carta. Negli ultimi giorni, però, sembra essersi nuovamente presentata la mail che promette un falso bonifico da parte di INPS.

Leggi anche:  PostePay: tante le novità ma anche le truffe che attaccano i clienti

Pur spacciandosi per Poste Italiane, e menzionando appunto INPS, è importante ricordare che quanto comunicato è falso. E’ bene prestare molta attenzione ai messaggi ricevuti e procedere con molta prudenza senza fornire mai i propri dati.