Android_frammentato

Project Treble è stato introdotto da Google a maggio 2017 per porre fine alla frammentazione del sistema operativo Android. Uno dei principali flagelli che lo ha sempre colpito. Nel 2019, circa due anni dopo, lo scenario rimane lo stesso, se non addirittura peggiore in alcuni casi, come sottolinea un nuovo studio.

Google è condannato a vedere il suo sistema operativo Android sempre più frammentato? Sono passati più di dieci anni da quando Google ha introdotto il suo sistema operativo mobile. Da allora, essendo open source, viene utilizzato da migliaia di produttori ed è presente su milioni di dispositivi mobili (smartphone e tablet) in tutto il mondo.

 

La frammentazione del sistema operativo Android

Questo è il sistema operativo più popolare, ma anche il più frammentato. Qualcosa che non migliora in alcun modo Google e che cerca di risolvere, fino ad ora senza successo e, anzi, peggiorando negli ultimi anni.

Perché la frammentazione del sistema è così spaventosa? Per spiegare il fenomeno è urgente guardare i tempi di Google che ogni anno ci presenta una nuova versione del sistema operativo Android.

L’ultimo è Android Pie 9.0, una versione che probabilmente non ha ancora raggiunto il tuo smartphone o tablet. Infatti, potrebbe non arrivare nemmeno, soprattutto se il tuo dispositivo ha già due o più anni. Si sta già parlando di Android Q, la decima versione di questo sistema operativo sarà presentata a maggio, durante il Google I/O 2019.

Ogni anno, Google lancia una nuova versione del sistema operativo Android. Ogni anno i produttori devono aggiornare decine o addirittura centinaia di dispositivi mobili. Qualcosa che, inutile dire, non succede nella maggior parte dei casi. A proposito, i dispositivi migliori ora godono di due anni di aggiornamenti del sistema, di norma.

Ci sono, naturalmente, alcune buone eccezioni come HMD Global (Nokia) o OnePlus, ma anche queste devono essere eseguite per tenere il passo con Google. Un’attività che richiede tempo e risorse e non è ancora una priorità trasversale per tutti i produttori.

Leggi anche:  Android sorprende tutti: sul Play Store ci sono 4 app gratis solo per oggi

E se il tuo dispositivo ha più di due anni e/o se non è un top di gamma, bene, conosciamo già il risultato.

 

Qual è il problema della frammentazione su Android?

Il fenomeno della frammentazione è facile da capire per quanto riguarda le sue cause. Esistono molte versioni del sistema. Tuttavia, qual è il problema se lo smartphone o tablet sono obsoleti?

Con i produttori che impiegano molto tempo da quando la nuova versione è resa disponibile da Google, fino a quando non raggiunge gli utenti. Un’altra parte può rassegnarsi allo status quo corrente o cercare soluzioni nella sfera iOS.

Semplifichiamo l’argomento. Non ci si può nemmeno preoccupare delle modifiche all’interfaccia (interfaccia utente). A volte sono piccoli cambiamenti e questo è un punto puramente superficiale e soggettivo. Tuttavia, sono gli aspetti organici del sistema, le ottimizzazioni e le correzioni di sicurezza che giustificano l’aggiornamento del sistema.

Sebbene non ci sia più interesse, c’è il rafforzamento della sicurezza del sistema. Si noti che queste non sono le semplici correzioni introdotte dalle patch mensili. Se così fosse, saremmo perfettamente a nostro agio. Tuttavia, ci sono buoni motivi per voler avere l’ultima versione del sistema operativo Google sul nostro terminale. La sicurezza è la ragione principale, anche se non dispiacciano le nuove funzioni o il nuovo design.

In breve, è per ragioni di sicurezza che è necessario un buon supporto software da parte del produttore. Non basta avviare uno smartphone con una versione recente, è necessario mantenere il dispositivo aggiornato per almeno due anni.