Truffe carte PostePay
Le truffe online si aggirano tra gli utenti modificando periodicamente il mezzo con cui si diffondono e le vittime a cui si rivolgono. I clienti PostePay, però, restano i preferiti dai malfattori che tramite email, SMS e WhatsApp tentano di sottrarre loro dati e denaro. Non sono mancati al riguardo i consigli da parte di Poste Italiane o della Polizia Postale che invitano tutti a prestare attenzione ai messaggi che è possibile ricevere.

Truffe carte PostePay: attenzione alle email e agli SMS fraudolenti che possono svuotare i conti!

La diffusione di email ed SMS fraudolenti ha raggiunto nel corso dei mesi un’intensità decisamente fastidiosa per gli utenti. L’attenzione da porre ai messaggi ricevuti non è mai abbastanza ed è inoltre fondamentale, ormai, conoscere quei dettagli che possono permettere di identificare l’intento fraudolento .

I messaggi phishing, seppur infimi e in grado di raggirare gli utenti, presentano delle caratteristiche fisse che possono essere riconosciute, tra queste la richiesta di fornire i propri dati. E’ opportuno ricordare che Poste Italiane né gli istituti bancari non richiedono mai ai loro clienti di inserire online le credenziali di accesso al conto. Inoltre, altrettanto improbabile è l’utilizzo da parte di queste aziende di strumenti come email, SMS o WhatsApp per avvisi importanti.

Leggi anche:  Smartphone ed elettronica: come difendersi da truffe ed evasione fiscale

I tentativi di frode, infatti, giustificano la richiesta dei codici e delle password d’accesso al conto tramite avvisi che riguardano perlopiù problemi relativi allo stato del conto. All’interno di ogni messaggio, inoltre, inseriscono un link o allegano dei file, invitando la vittima a cliccare e seguire quanto indicato. Proprio tale passaggio servirà ai malfattori per compiere la truffa, quindi, sarà assolutamente da evitare.