nasa

Dopo oltre un anno di discorsi sul ritorno degli umani sulla Luna, la NASA sta chiedendo alla comunità aerospaziale di elaborare progetti per i landers che possano trasportare gli astronauti sulla superficie lunare. L’obiettivo della NASA è testare questi veicoli sulla Luna già nel 2024 e poi usarli per portare le persone sulla superficie lunare entro il 2028.

L’amministratore della NASA Jim Bridenstine e altri alti funzionari dell’agenzia hanno delineato il piano durante una meeting oggi a Washington, DC. Mentre Bridenstine ha fantasticato sull’idea che la società stia tornando sulla Luna per rimanerci questa volta, e ha anche notato che l’agenzia sta rendendo la velocità una priorità nel suo ritorno alla superficie lunare. “Una delle cose che ritengo importante è ancora una volta che vogliamo sostenibilità, ma vogliamo anche andare veloci“, ha detto Bridenstine durante il meeting. “È importante tornare sulla Luna il più velocemente possibile.”

 

Come mai questo desiderio di ritornarci il prima possibile?

Quel desiderio di velocità si riflette nella rapidità con cui l’agenzia progetta di effettuare selezioni di progetti di lander. La NASA presenterà una richiesta formale alle aziende per le proposte di lander a marzo, con l’obiettivo di premiare e consolidare i contratti tra maggio e luglio. Ogni singolo contratto costerà tra i $ 300.000 e $ 9 milioni. Bridenstine ha detto che la NASA è aperta ad entrambe le iniziative commerciali (come Lockheed Martin, Blue Origin, SpaceX e Boeing) e alle agenzie internazionali che inviano idee.

Leggi anche:  NASA: si intensifica l'attività nello Spazio, si cercano nuovi astronauti

Nel frattempo, la NASA sta tentando di accelerare un altro programma volto a inviare piccoli lander robotizzati sulla Luna, noti come Commercial Lunar Payload Services (CLPS). Questo programma, ha affidato a nove compagnie lo sviluppo di piccoli lander autonomi in grado di trasportare sulla Luna carichi utili scientifici. Attraverso questo programma, la NASA pubblicherà i dettagli sugli strumenti che intende inviare alla superficie lunare, e le nove compagnie si sfideranno per trasportare quell’hardware con i loro lander. La NASA prevede anche di rilasciare i dettagli del primo lotto di 12 strumenti la prossima settimana. Alcuni di questi includeranno l’imaging e altri strumenti scientifici, nonché strumenti per esplorare la Luna alla ricerca di ghiaccio e acqua sulla superficie.