google-anniversario-resocontoGoogle ha fatto molte scelte giuste nel corso degli anni, ma non si può dire lo stesso se si considerano le scelte del 2018. L’anno corrente in generale è stato un anno di flop per l’azienda di proprietà di Alphabet.

Molestie sessuali

Lo scandalo delle molestie sessuali è probabilmente il peggior flop della compagnia nel 2018. A ottobre il New York Times ha pubblicato una dichiarazione sulla cattiva condotta di Andy Rubin nell’azienda anni fa e su come l’azienda lo proteggesse allora. Andy Rubin è fondamentalmente il padre di Android, ed è stato una delle figure più importanti di Google, fino a quando non lasciò la compagnia nel 2014 per perseguire altre iniziative. Il signor Rubin non è stato l’unico dirigente di Google che l’azienda ha protetto quando si tratta di cattiva condotta sessuale. Detto questo, la cattiva condotta a sfondo sessuale non dovrebbe essere tollerata in nessuna forma.

Hangouts

Google aveva lanciato Hangouts nel 2013, durante l’I / O di Google, dopo Google Talk, in pratica. All’epoca sembrava che Google avesse l’idea e la formula giuste per creare un’app per chat e videochiamate davvero convincente. Dopo oltre cinque anni sembra che la società stia pianificando la chiusura del servizio. Quindi, allo stato attuale, Google porterà il servizio Messaggi (Android) avanti, mentre in aggiunta avremo anche il servizio Chat di Hangouts. L’app Messaggi è ora un’app di SMS che supporta il protocollo RCS, ma RCS non è uno standard, quindi non può essere esattamente un servizio di messaggistica completo e una sostituzione per Hangouts, probabilmente il motivo per cui Google lancerà una versione consumer della chat di Hangouts.

Google+

Ad ottobre di quest’anno, Google ha annunciato la dipartita di Google+. La società ha detto che inizierà lentamente a chiudere il servizio, e sarà completamente inutilizzabile per i consumatori nell’agosto del 2019. Nel frattempo si è verificata un’altra violazione della sicurezza e Google ha sostanzialmente accelerato l’esecuzione di Google Plus ad aprile. La società ha dichiarato che non vale la pena avere Google+, sulla base dei risultati di Project Strobe, poiché il social network non è riuscito ad attrarre un numero sufficiente di utenti, e chi lo utilizza non impiega molto tempo con tale servizio.

Posta in arrivo

A settembre, Google ha annunciato che uno dei suoi servizi di posta elettronica verrà chiuso nel 2019 e considerando che Gmail non è l’app menzionata, sarà Inbox ad affondare. Un bel po’ di persone espressero la propria rabbia dopo l’annuncio, e c’è stata persino una petizione con parecchie firme. Ora, Gmail è diventato migliore nel corso degli anni, ma Inbox è completamente diverso da qualsiasi altra app di posta elettronica sul mercato, e anche se non è per tutti, molte persone hanno trovato molto utile il servizio. Un certo numero di funzioni di Inbox è effettivamente passato a Gmail nel corso degli anni, ma non tutte. Dunque, questa è una mossa che Google avrebbe potuto evitare, non c’è assolutamente nulla di sbagliato nell’avere entrambi i servizi allo stesso tempo e dare alle persone più opzioni.

YouTube Gaming

YouTube Gaming non era una buona idea già in partenza. In poche parole, perché qualcuno dovrebbe scaricare un’app YouTube Gaming per guardare i video di gioco, quando le persone possono farlo tramite l’app YouTube che è probabilmente preinstallata sui loro telefoni e usano comunque? Nessun motivo, giusto? Beh, l’app YouTube Gaming avrebbe dovuto essere un concorrente di Twitch agli occhi di YouTube, almeno questo è quello che sembra, ma fondamentalmente non offriva nulla che potesse far sì che le persone lo usassero separatamente. Il servizio scadrà a marzo 2019, e questo è un altro esempio di quanto facilmente Google lancia e ritira servizi / applicazioni, anche se in questo caso, la mossa è probabilmente giustificata.

Wear OS

Android Wear è stato lanciato nel 2014 come sistema operativo Google per i dispositivi indossabili e l’azienda ha deciso di sostituirlo nel 2018, quindi non è denominato Wear OS, formalmente conosciuto come sistema operativo di Google. Il sistema operativo Wear ha effettivamente apportato alcuni miglioramenti necessari al sistema operativo, e molti direbbero che non è un flop. Per questo è l’ultimo della lista, ma il fatto è che Wear OS non è esploso come previsto da Google. Gli smartwatch sono ancora, probabilmente, troppo costosi, e le persone sono riluttanti a indossarli, con l’eccezione dell’Apple Watch, che è più una moda probabilmente. Sembra proprio che Google non abbia ancora trovato la sua strada quando si tratta di indossabili e Wear OS ha ancora bisogno di farne tanta.