apple-iphone-xsmax-esplosione

Spesso ce ne dimentichiamo, ma gli smartphone possono risultare pericolosi, più nello specifico la batteria che viene usata. La tecnologia a ioni di litio è attualmente l’unica che viene usata da tutti i produttori, al limite con qualche differenza di architettura interna e o esterna. Proprio Apple con gli iPhone di quest’anno ha deciso di intraprendere una strada particolare ovvero una forma ad L per massimizzare gli spazi.

Un’altra particolarità di questa forma è che sono sostanzialmente due batteria messe una sopra l’altra e che nonostante siano più grosse se messe insieme risultano avere pochi mAh totali. Questo è dovuto al fatto che internamente sono state rinforzate ad ogni angolo così da renderle più sicure e in questo modo per portato via spazio. Evidentemente non è bastato perché negli Stati Uniti un modello è esploso.

 

Per via legali

I motivi per cui una batteria di smartphone può esplodere sono tanti e negli anni ne abbiamo viste. Dal pesante errore di fabbrica dei Galaxy Note 7 a quei piccolo errori che colpiscono un’unità ogni tante. Non dobbiamo dimenticare che a volte è l’utente che mette a rischio il proprio dispositivo facendo cose che non dovrebbe. Le variabili sono tante, ma a questo giro cosa è successo?

Leggi anche:  Tra i vecchi cellulari c'è una fortuna: ecco i modelli più quotati

Josh Hillard, l’uomo protagonista di questa storia, in un giorno come un altro ha sentito il proprio iPhone XS Max surriscaldarsi pesantemente mentre si trovava in una tasca posteriore dei pantaloni. Dopo poco ha iniziato a fare fumo e con il desiderio di togliere i pantaloni al volo per non rischiare ferite è dovuto cercare una stanza isolata; apparentemente non se la sentiva di togliersi i pantaloni davanti ad un collega. Con il tempo che è passato il dispositivo ha proprio preso fuoco, ma poi è stato spento. l’uomo afferma di aver inalato i fumi tossici e di essere rimasto leggermente ferito.

Siamo negli Stati Uniti e passare per le vie legali per questo genere di cose è più semplice che da altri parti ed è quello che ha fatto Hillard; l’uomo vuole un risarcimento sia per danni fisici che psicologici.