calibrazione batteria AndroidIl processo di calibrazione batteria Android può risolvere il problema dell’autonomia. Prima di addentrarci nella procedura spieghiamo perché è utile ed in cosa consiste esattamente. Il processo deve essere effettuato sia nel momento in cui si compra un nuovo smartphone sia quando iniziamo a vedere che la batteria inizia a perdere colpi. Tutto molto semplice, basta seguire queste semplici indicazioni.

 

Calibrazione batteria Android: cos’é

Il metodo di calibrazione Android serve per rimettere in assetto la batteria. Immaginiamo una semplice situazione tipo. Abbiamo un’automobile a cui abbiamo fatto il pieno ma la lancetta del livello di carburante continua a segnare rosso fisso. In questo caso siamo certi che l’auto non abbia problemi, dobbiamo solo rimettere in sesto il circuito di lettura.

Per gli smartphone Android funziona pressappoco allo stesso modo. La nostra batteria è nel pieno delle sue capacità ma il sistema interpreta male i dati. Non è una situazione in cui ci vorremmo trovare. L’indicatore segna 100% ma in realtà potremmo essere al 50% o anche meno. A questo punto occorre intervenire per rimettere le cose a posto. Dopo questa breve spiegazione facciamolo subito.

 

Come calibrare la batteria del telefono Android

Una volta che siamo certi che il problema batteria sia riconducibile solo al sistema e non all’hardware (lo verifichiamo da Impostazioni > Info Telefono > Stato Batteria) siamo pronti ad effettuare la procedura. I passi da seguire sono i seguenti:

  • utilizzare lo smartphone fino a portare la batteria a completo esaurimento (il telefono non deve riuscire a completare il boot)
  • inseriamo il caricabatterie
  • lasciamo il telefono in carica fino al 100% con caricabatteria connesso
  • continuiamo a caricare aspettando ulteriori 2-3 ore dopo la ricarica completa
  • trascorso questo tempo stacchiamo il cavetto per 10-15 minuti lasciando spento il dispositivo
  • adesso ricolleghiamo il cavo (smartphone ancora spento) per ulteriori 10-15 minuti
  • con ancora il telefono in carica accendiamolo fino a completare l’accesso al sistema
  • adesso stacchiamo il caricabatterie
Leggi anche:  Android: ecco 5 nuove applicazioni a pagamento gratis solo oggi

Si consiglia di effettuare la procedura sfruttando (se disponibile) la funzione di ricarica rapida. In caso contrario serviranno parecchie ore (dai nostri test fino ad 8 ore) per completare il tutto. Eventualmente ripetete il procedimento un altro paio di volte.

Si consiglia di effettuare mensilmente una calibrazione completa della batteria. Ciò eviterà il progressivo deteriorarsi delle celle (che saranno inerti poiché non usate) e vari ed eventuali dati falsati. Si ricorda, infine, che è buona norma mantenere una percentuale di carica/utilizzo nel range 20-80% così come consigliato dagli esperti. Scaricate e caricate completamente solo in queste specifiche occasioni. Il vostro smartphone vi offrirà così un aumento dell’autonomia.