google allo

È un periodo di chiusure a Mountain View. Dopo il recente tira e molla su Hangouts, Google ha confermato che un altro servizio è pronto a chiudere i battenti. Si tratta di Allo, un applicazione mobile di messaggistica istantanea sviluppata da Big G e rilasciata per device Android, iOS e per PC tramite un cliente web.

Questa decisione molto probabilmente è legata all’evoluzione del concetto di messaggistica messo in atto da Google. Infatti da qualche tempo gli investimenti su Allo erano stati bloccati, fermando di fatto lo sviluppo. In questo modo gli sforzi si sono potuti concentrare maggiormente su Messages. Infatti tutte le feature introdotte dall’app come le Smart Reply e il supporto alle GIF sono state introdotte in Messaggi.

Google ha confermato che Allo continuerà a funzionare fino a marzo 2019. Fino ad allora sarà possibile esportare dall’app le conversazioni e la cronologia esistente. Google però riconosce l’importanza di Allo. Grazie all’app è stato possibile capire come incorporare le feature del machine learning all’interno dei messaggi. In questo modo si è potuto migliorare sia Google Assistant, sia l’Intelligenza Artificiale stessa.

Leggi anche:  Call Screening scopre i numeri sconosciuti Tim, Wind, Tre, Iliad e Vodafone

Queste decisioni, insieme a quanto emerso con la questione della chiusura di Hangouts ha permesso di definire meglio quelli che saranno i piani di Google. Le applicazioni Messaggi e Duo resteranno e saranno rivolte al settore consumer mentre Hangouts Chat e Meet saranno invece rivolti al segmento businesses. Ovviamente si tratta di una previsione che non potrebbe corrispondere alla realtà e non resta che attendere qualche informazione ufficiale in merito da parte di Mountain View.