Facebook

Torniamo a parlare del social network Facebook che nell’ultimo periodo non sta sicuramente vivendo un periodo roseo. Come avrete notato, nella giornata di ieri, sono stati molti i post su Twitter che parlavano di un down della piattaforma blu.

Ieri abbiamo parlato della fantastica novità che il social network ha intenzione di introdurre in occasione del periodo natalizio, ma oggi torniamo a parlare di un Facebook down, che potrebbe essere stato causato da un attacco hacker.

 

Facebook down, colpa di un attacco hacker?

A riportare dell’interruzione sono stati per primi gli utenti, che hanno riportato l’hashtag #facebookdown su Twitter per comunicare il problema. In molti di essi hanno ipotizzato che possa essersi trattato di un attacco hacker. L’ultima volta che abbiamo assistito ad un down è stato lo scorso 28 settembre 2018, quando l’azienda aveva successivamente ammesso che si è trattato di una misura preventiva per la protezione degli utenti in seguito ad un attacco informatico. L’ultimo attacco ha esposto le informazioni personali di oltre 50 mila account.

Leggi anche:  Instagram: stanno arrivando 3 novità che faranno felici gli utilizzatori del social

Gli utenti, in particolare hanno lamentato di non essere in grado di accedere alla piattaforma. Una volta inserita la password, il sito la respinge richiedendola di nuovo, nonostante quella inserita la prima volta fosse corretta. L’unica soluzione per gli utenti impazienti di visitare la piattaforma, è stato cambiare il browser di connessione, anche se dopo pochi minuti di connessione, la piattaforma smetteva di funzionare.

Ecco il messaggio che molti utenti hanno letto ieri: “Errore di accesso – Si è verificato un errore imprevisto. Prova a effettuare nuovamente l’accesso“. Ormai siamo abituati a questi messaggi da parte di Facebook, ogni tanto capita che il più famoso tra i social network vada in down. Speriamo solamente che non si tratti dell’ennesimo attacco informatico. Al momento l’azienda non ha rilasciato alcuna dichiarazione ma sicuramente torneremo ad aggiornarvi nei prossimi giorni.