Android Pie luminosità adattivaTutti gli smartphone che ottengono il nuovo aggiornamento Android Pie accedono ad una funzione esclusiva per la gestione della luminosità del display. Grazie all’implementazione software aggiornata potremo garantirci una migliore autonomia energetica ed un setting preciso del livello di luminosità per i pixel che compongono lo schermo. Le novità sono interessanti per tutti.

 

Android Pie: autonomia al massimo grazie alla funzione Adaptive Brightness

Adaptive Brightness è una funzione introdotta con Android 9.0 Pie ed annunciata da Google già dalle prime Beta release del sistema operativo. Si introduce ad una nuova gestione intelligente del sensore di luminosità che limita gli sprechi garantendo massima visibilità dell’interfaccia sia in condizioni normali che in esterno.

In fondo a questa nuova caratteristica si trova un’intelligenza artificiale. Questa opera prendendo in esame il valore assoluto della luminosità in base ai dati inviati dal sensore. Ciò significa che l’indicatore non applicherà un fattore di scala lineare positivo o negativo spostandosi a destra o a sinistra del valore centrale che Google assegna come valore base di riferimento.

Con la nuova versione aggiornata del sistema avremo il vero valore assoluto sulla base di una scala logaritmica gestita in modalità smart. L’AI modificherà il livello di luminosità a seconda dei parametri ambientali, fornendo un riscontro in tempo reale del livello tramite slider. Ciò vuol dire che vedremo l’indicatore spostarsi a destra o a sinistra a seconda dell’ora del giorno e delle nostre abitudini di utilizzo. Una cosa voluta, non è un bug.

Leggi anche:  Samsung Galaxy Note 9 arriva nella versione First Snow White

Tutto questo fornisce dunque un valore diretto sul cambiamento della luminosità che garantisce un adattamento perfetto alla percezione umana. Il cambio manuale del valore non sarà lineare ma logaritmico e per questo lo slider dovrà spostarsi molto dal valore di riferimento per manifestare un aumento o una diminuzione dell’output.

Chiaramente si tratta pur sempre di un sistema intelligente che auto-regola la luminosità in modo adattivo. Grazie a questa nuova funzione, infatti, intervenire manualmente sarà l’ultima spiaggia. Dai risultati dei primi test si è vista una riduzione del 10% sugli interventi di setting manuale. L’intelligenza artificiale impara col tempo e fornisce sempre il valore adeguato senza richiedere intervento esterno.

E voi usate la luminosità automatica o quella manuale? Quanto incide questo nuovo sistema sulle vostre abitudini di utilizzo?