credito telefonico

Da un certo periodo TIM, Wind Tre e Vodafone puntano nel proporre offerte vantaggiose e low cost ai loro clienti. Nonostante alcune siano veramente formidabili come offerte, in fin dei conti gli utenti si ritrovano col pagare comunque cifre esorbitanti senza sapere il perchè. Tutto ciò è dovuto ai costi nascosti che succhiano il restante credito telefonico senza farsi notare.

Due euro e più alla settimana: a seconda dei casi si può arrivare fino a 8 euro in più al mese

Con costi nascosti ci riferiamo a tutta quella serie di costi che non rientrano nell’abbonamento mensile, ma nonostante tutto incidono su di essa. Alcuni esempi che trattiamo oggi sono: sms bancari, piani base e segreteria telefonica. Ovviamente ognuno di questi servizi ha un costo diverso in base al proprio operatore, ma una cosa è sicura: tutti e quattro gli elencati li hanno.

Partendo dall’esempio più comune analizziamo gli sms addebitati sul credito telefonico pure se non inviati. Di cosa si tratta? Anche a voi è capitato di trovare -tot centesimi tra le movimentazioni? Beh, quello è il prezzo che ogni utente paga per ricevere gli sms dalla propria banca. Sapete, quei messaggi che vi avvisano di un pagamento e quant’altro… beh, nel contratto con la propria banca saranno anche gratuiti, ma in fin dei conti il proprio operatore se li fa pagare proprio da voi.

Leggi anche:  Le offerte Tim, Wind, Tre e Vodafone nascondono costi nascosti e abbonamenti indesiderati

Andando più bello specifico, ogni qualvolta si attivi una nuova SIM, inesorabilmente si attiva anche un piano base. Un piano base è un piano che permette di effettuare chiamate e inviare sms ad un prezzo ridotto. Ovviamente se si ha un abbonamento mensile che prevede minuti illimitati e tot. SMS è ironico pagare questo servizio in più. Questo ultimo, infatti, ha solitamente un costo settimanale e può arrivare a costare più di due euro.

Terza per numero, ma non per importanza è la segreteria telefonica. Alcuni abbonamenti o alcuni operatori la offrono gratis, ma altri, invece, applicano un costo. Ogni qualvolta si usi per ascoltare un messaggio ricevuto o per lasciare un proprio messaggio si sganciano alcuni centesimi. Per non parlare di quando si sta facendo uno squillo a qualche amico o parente e non si chiude la chiamata in tempo: addio 22 centesimi. Purtroppo per questa situazione non esiste un metodo per scamparla liscia, ma state attenti a non attivare il servizio se non desiderate un surplus in bolletta.