Facebook

Il social network Facebook negli ultimi giorni si è dovuto difendere da alcune accuse mosse dal New York Times, testata giornalistica molto importante negli Stati Uniti. Quest’ultima ha accusato il CEO dell’azienda Mark Zuckerberg e Sheryl Sandberg di aver cercato di insabbiare gli scandali in cui era coinvolto.

I due nel mirino non hanno fatto attendere molto prima di lanciare una risposta e, nonostante questo piccolo intoppo, la società ha continuato a dare la caccia ad account falsi. Ne sono stati rimossi quasi 2 miliardi.

 

Facebook rimuove 2 miliardi di account fake

Dopo lo scandalo Cambridge Analytica, Mark Zuckerberg si presentò davanti al Congresso degli Stati Uniti e promise di dare la caccia a tutti gli account fake all’interno della piattaforma. Vi ricordo inoltre che, alcuni di questi account, hanno interferito nelle elezioni Presidenziale negli Stati Uniti. Sembra che il CEO della piattaforma abbia mantenuto le proprie promesse.

Leggi anche:  Facebook: moralmente dovremmo abbandonare la piattaforma

Negli ultimi mesi, sono stati infatti cancellati ben 2 miliardi di account falsi all’interno di Facebook. Questi sono i dati emersi dal secondo Community Standards Enforcement Report. Ovviamente tutti gli account in questione erano in qualche modo legati alle fake news che circolano sulla piattaforma ormai da mesi, spam, rischi per la sicurezza e molto altro.

Più precisamente, tra aprile 2018 e settembre 2018 Facebook ha eliminato 2 miliardi di fake account, 15.4 milioni di contenuti violenti e moltissime altre pagine. Sembra quindi che il social network sia sempre più veloce nello scovare violazioni che prima erano gli stessi utenti a segnalare per il 96% dei casi circa. Non possiamo fare altro che sperare che l’azienda continui su questa linea.