radiazioni

Le radiazioni emesse dagli smartphone tornano ad essere all’ordine del giorno: nuovi dubbi assalgono gli utenti e soprattutto quelli che hanno uno smartphone Huawei, Oneplus o Xiaomi. Sebbene la questione sia già stata chiarita, delle catene sui social e bufale varie continuano  a seminare paure tra i lettori, i quali si interrogano su diverse questioni. Tra queste non manca l’esigenza di cambiare telefono.

Il Black Friday sta arrivando e quindi potrebbe essere una buona occasione se si è in cerca di qualche nuovo terminale, ma un nuovo acquisto è giustificato solo se il vostro smartphone ha dato forfait visto che non esiste alcun pericolo per la salute.

Se utilizzate Huawei, Oneplus o Xiaomi fate attenzione a chi vi consiglia

La paura che accompagna i terminali di queste aziende produttrici è nata da una classifica che si è diffusa online. Sebbene i dati siano veritieri, bisogna anche saperli analizzare per capire cosa esprimono. Proprio per questo motivo, oggi vi sveliamo cosa rappresentano davvero quei numeri messi lì a fianco.

 

smartphone

Le cifre che accompagnano il nome di ogni smartphone sono i valori SAR calcolati per chilogrammo. I valori SAR esprimono il tasso di assorbimento -delle radiazioni emesse- nel nostro corpo. In Europa, il limite massimo è fissato a 2 watt per kg, questo significa che:

  1. gli smartphone in classifica sono A NORMA;
  2. nessun utente può subire danni se utilizza uno di questi smartphone.
Leggi anche:  Ken Hu, manager huawei, svela le consegne delle prime stazioni base 5G

Ovviamente marche come Xiaomi, Huawei e Oneplus occupano delle posizioni piuttosto alte, ma ciò non significa che possano creare più danni di un melafonino o di un prodotto Samsung. Perchè? Beh, per un semplice motivo: dipende dall’uso che se ne fa. Per capire meglio questo ragionamento bisogna mettere a confronto due tipi di utenti: utente A con telefono Xiaomi ad esempio e utente B con telefono competitor. Se A utilizza il suo telefono solo per effettuare qualche chiamata al giorno e stare un’ora sui social, certamente “subirà meno danni” dell’utente B che invece passa la giornata sui social e in chiamata con gli amici a parlare del più e del meno.

Cosa significa questo? Beh che ogni smartphone può diventare relativamente dannoso se non si usa con precauzione!