Huawei Kirn 990, il primo con modem 5G

Nuove indiscrezioni provenienti dalla Cina affermano che le fonderie Huawei sono a lavoro su un nuovo System On Chip denominato Kirin 990 che dovrebbe esordire nel primo trimestre del 2019. Kirin 990 sarà prodotto utilizzando una tecnologia produttiva a 7 manometri di seconda generazione insieme all’aiuto di TSMC. Questa innovativa tecnologia offre tantissimi vantaggi a partire da prestazioni maggiorate e un consumo ridotto.

Nello specifico Kirin 990 dovrebbe avere una densità del transistor maggiore del 20%, un consumo energetico ridotto del 10% e prestazioni complessive migliorate del 10% rispetto ai chipset già ottimi costruiti utilizzando il processo a 7 nanometri. Ogni test condotto costerebbe quasi 29 milioni di dollari, pertanto, l’attenzione verso questo System On Chip è altissima.

Il chip Kirin 990 includerà ancora la CPU Octa Core con Core ARM Cortex A76 a 64 bit presenti sul Kirin 980. Tuttavia, la principale differenza tra i due chipset è la disponibilità del modem Balong 5000 5G che verrà installato sul Kirin 990. Huawei ha annunciato il modem 5G a IFA 2018 ma nonostante questo sono disponibili ancora poche informazioni sulle prestazioni e le specifiche del modem.

A questo punto potrebbe essere utile fare un confronto: Kirin 980 ha un modem 4G LTE Cat. 21 con velocità massima in download di 1.4 Gbps. Pertanto, dobbiamo aspettarci velocità notevolmente superiori. Kirin 990 sarà il cuore pulsante del primo smartphone con modem 5G che Huawei prevede di lanciare il prossimo anno. Lo stesso dispositivo potrebbe essere anche il primo smartphone pieghevole del marchio.

Leggi anche:  Huawei verso il lancio di un nuovo protocollo per la ricarica rapida

 

Kirin 990 con modem 5G non sarà l’unico SoC con queste caratteristiche

Huawei non sarà l’unico a fare lo stesso perché la connettività 5G sarà un must have del prossimo anno e in lista ci sono anche Samsung, OnePlus e OPPO. Di contro, a supportare gli OEM in questa presentazione, ci saranno Quacomm con lo Snapdragon X50 installato sullo Snapdragon 8150 e Intel con il suo modem XMM 8060 che non funziona solo con lo spettro mmWave ma è anche compatibile con frequenze inferiori a 6 GHz.

Le frequenze più basse offrono una copertura più ampia e una migliore penetrazione all’interno rispetto allo spettro mmWave. Anche MediaTek ha rivelato la propria offerta di modem 5G, conosciuto come Helio M70 e in grado di offrire una velocità di download fino a 5 Gbps. Tuttavia, gli utenti finali potrebbero non sfruttare appieno le maggiori velocità e le latenze ridotte offerte dalla connettività 5G fino a quando gli operatori non la renderanno disponibile per la massa.