Netflix

Trovarsi con il credito residuo a zero è una cosa che sta diventando sempre più comune: oramai le tariffe mensili sono low cost e TIM, Wind Tre e Vodafone devono trovare altri modi per spillare soldi ai loro clienti. Questa volta non vi parliamo di servizi e giochi a pagamento, ma di costi nascosti che sommati tra di loro sono capaci di azzerare i conti.

Si parla di alcuni centesimi alla volta che però possono essere fatali se non presi d’occhio o se ignorati. Quelli che riescono a provocare più danni sono quelli spesi per il ricevimento delle notifiche bancarie, ma non solo, a questi aggiungono anche quelli della segreteria telefonica e dei famosi piani base.

Banche e notifiche: disattivarle forse è meglio

Pressochè tutti i correntisti d’Italia hanno attive le notifiche via SMS. Queste vengono inviate quando si preleva da uno sportello, quando si effettua un pagamento ed in altre occasioni se previste da contratto. Ciò che però i correntisti non sanno è che questi SMS si pagano. Ebbene, essi valgono come messaggi inviati e quindi ad ogni ricezione si pagano dai 14 ai 17 centesimi l’uno, a seconda dell’operatore.

Leggi anche:  TIM: credito svuotato ai clienti e offerte inutilizzabili, arrivano i rimborsi

Segreteria telefonica e le chiamate chiuse in ritardo

Un altro metodo utilizzato per scalare centesimi è quello della segreteria telefonica. Ogni volta che si attende che una chiamata venga inoltrata e non si chiude in tempo, scatta quella fastidiosa segreteria telefonica che scala l’anima del vostro credito residuo. Inoltre, utilizzare questo servizio in sè ha anche un costo che può arrivare fino all’euro e cinquanta a settimana.

Piano base: disattivarlo è il primo passo

A qualunque lettore che abbia attivato una nuova SIM: disattivate il piano base. Ogni volta che si acquista e si attiva una nuova SIM, si attiva in automatico il piano base dell’operatore. Questo piano consente di inviare messaggi e effettuare chiamate a determinati prezzi, cosa che non serve a nessuno dato che le nuove offerte li offrono illimitati o così via. Questi piani base, però hanno un costo settimanale che può toccare anche i due euro. Seppure non utilizzati, i soldi verranno scalati automaticamente. Disattivarli è il primo passo.