Il fondatore del World Wide Web ha rivelato la sua intenzione di rivoluzionare Internet attraverso il completo rinnovamento dei modelli di business di giganti della tecnologia come Facebook e Google.

Tim Berners-Lee ha inventato il World Wide Web nel 1989, ha descritto il suo audace nuovo progetto come reazione allo stato attuale del web. “Oggi, credo che abbiamo raggiunto un punto critico, e che un cambiamento potente in meglio è possibile – e necessario“, ha scritto Berners-Lee in un post sul blog. Il padre del web ha spiegato di aver lavorato per diversi anni con i ricercatori del Massachusetts Institute of Technology (MIT) per sviluppare un progetto open source chiamato Solid.

Solid cambia il modello attuale in cui gli utenti devono consegnare dati personali a giganti digitali in cambio di valore percepito“, ha scritto. “Come tutti ormai sappiamo, questo non è stato nel nostro miglior interesse. Solid è il modo in cui evolviamo il web per ripristinare l’equilibrio – dando ad ognuno di noi il controllo completo sui dati, personali o meno, in modo rivoluzionario”.

Il creatore del World Wide Web ha deciso di voler ripristinare gli equilibri del web

Le applicazioni sviluppate tramite Solid possono avere una funzione e un aspetto simili a quelle di applicazioni familiari. Come le app di chat, i siti di condivisione di video e i lettori musicali. Tuttavia esiste una differenza fondamentale: tutti i dati che li attraversano sono sotto il controllo dell’utente. Però, mentre la piattaforma decentralizzata mira a strappare il potere ai giganti di Internet come Amazon, Facebook e Google, lo sforzo dovrà essere enorme per avere qualsiasi tipo di impatto.

Leggi anche:  Sicurezza online: l'utente medio ha 32 account e nessuna protezione

Facebook e Google ora hanno un’influenza diretta su quasi tre quarti di tutto il traffico Internet, grazie alla grande quantità di app e servizi che possiedono che include YouTube, WhatsApp e Instagram. Per realizzare questa visione, Berners-Lee ha fondato una nuova società chiamata Inrupt, che fornirà l’infrastruttura necessaria per supportare Solid. Prenderà anche un anno sabbatico dal MIT e dai suoi altri progetti per dedicarsi a Solid e Inrupt. “Le persone vogliono avere una rete di cui possano fidarsi, le persone vogliono app che li aiutino a fare quello che vogliono e che devono fare, senza essere spiati“, ha scritto.

App che non hanno un ulteriore motivo di distrarli con proposizioni per comprare questo o quello: la gente pagherà per questo tipo di qualità e sicurezza… Ci vorrà un grande sforzo per costruire la nuova piattaforma Solid e ottenere un’ampia adozione. Penso che abbiamo abbastanza energia per portare il mondo a un nuovo punto di svolta”.