Huawei Mate 20 Pro

Huawei vuole essere il più grande produttore di smartphone al mondo entro la fine del 2019 ma Apple continua a guidare la gerarchia quando si tratta di profitti. Per vincere questa competizione, che in realtà tira in causa anche Samsung, l’imminente Huawei Mate 20 Pro deve essere più accattivante che mai.

Deve essere migliore rispetto all’imminente Samsung Galaxy Note 9, al Google Pixel 3 XL e all’iPhone X di prossima generazione. E per alcuni, Huawei Mate 20 Pro potrebbe diventare lo smartphone perfetto. Le indiscrezioni hanno descritto lo smartphone come un prodotto bello ma soprattutto potente.

 

Huawei Mate 20 Pro, come dovrebbe essere il super phablet con la super batteria

Huawei Mate 20 Pro avrebbe essere equipaggiato con il SoC Kirin 980 che comprende un processore Octa Core di ultima generazione e una GPU dedicata anche questa di ultima generazione. Un mix supportato da 6 GB di RAM e da 128 GB di memoria interna anche se se saranno disponibili altre configurazioni, forse fino a 512 GB.

Leggi anche:  Huawei Watch GT non monterà SoC Qualcomm ne Wear OS

Anteriormente potrebbero esserci due fotocamere ma soprattutto degli speciali sensori, come emettitori a infrarossi, per far funzionare uno scanner del volto in stile Face ID e quindi con una ricostruzione tridimensionale del volto. Uno scanner che dovrebbe essere comunque abbinato ad un lettore di impronte digitali in-display.

Secondo le indiscrezioni Huawei Mate 20 Pro dovrebbe avere al suo interno, nascosta tra la tripla fotocamera posteriore e lo schermo, una batteria da 4200 mAh. Un dettaglio che sembra essere confermato ufficialmente dallo stesso produttore che come potete vedere qui sopra, ha rivelato che Huawei Mate 20 Pro avrà una batteria più grande del P20 Pro.

E l’attuale Huawei P20 Pro, il primo smartphone al mondo con una tripla fotocamera, ha una batteria da 4000 mAh pertanto un’unità da 4200 mAh è assolutamente possibile. A differenza di Samsung che svelerà il suo nuovo all’occhiello questo pomeriggio, Huawei Mate 20 Pro si farà attendere ancora un po’.