whatsapp (1)Whatsapp Messenger è la piattaforma di messaggistica istantanea più apprezzata del mondo, e lo stesso possiamo dire della Nutella. Esatto, avete capito bene: Nutella. Ma che cosa ci azzecca il client di Zuckerberg con il rinomato prodotto della casa Ferrero? In apparenza nulla, ma la promessa di ottenere 5KG di Nutella ha fatto avvicinare i due mondi. Nemmeno a dirsi, in questo come in altri casi, è una truffa.

 

Whatsapp e la dolce truffa

Dopo il finto regalo per il parco divertimenti Rainbow Magic la nota app IM cade preda di un nuovo circuito di raggiri che ha come perno centrale la Nutella. Impossibile resistere al suo gusto ed alle sua dolcezza ma in questo caso vorremmo poterne fare a meno. Si è in presenza di una truffa in piena regola, visto che Whatsapp di certo non regala 5 KG di Nutella Ferrero.

La nuova catena che prevede l’inoltro del messaggio a 20 persone non garantisce la riscossione del premio, ma porta soltanto alla concessione di dati personali sensibili che si inviano volontariamente con la compilazione di un questionario online. Non dobbiamo cadere nella trappola, visto che il risultato è decisamente prevedibile. Il nostro smartphone non sarà più al sicuro, così come il nostro conto corrente.

Leggi anche:  WhatsApp: il nuovo aggiornamento delude clamorosamente tutti, ecco perché

Tramite un post ufficiale diramato online su Facebook, Ferrero ha fatto sapere di volersi dissociare da questa nuova iniziativa, dicendo che:

“Informiamo i consumatori che tale iniziativa non è gestita da Ferrero e che siamo totalmente estranei a questa attività potenzialmente lesiva, non solo della nostra reputazione, ma anche dei dati personali di coloro che vi accederanno.
Stiamo informando il Commissariato di PS Online – Italia e procedendo con tutti gli accertamenti necessari”

Fate molta attenzione a questa nuova truffa Whatsapp e diffidate sempre da questi messaggi, visto che è difficile se non impossibile che una società di servizi promuova un concorso tramite un catena di messaggi. L’unico risultato, in questo caso, è quello di sottoporre amici e parenti ad inutili rischi per la sicurezza.