Microsoft Outlook ha ottenuto la possibilità di bloccare le immagini esterne nelle e-mail. Anche se questo potrebbe sembrare un miglioramento impercettibile, può essere utile per gli utenti attenti alla privacy. Infatti, le immagini possono essere utilizzate per monitorare se sono state lette le e-mail. Trattasi di informazioni preziose per gli spammer.

Ecco il registro delle modifiche ufficializzato dalla compagnia: “Puoi scegliere di bloccare le immagini esterne presenti nelle e-mail. Attiva la funzionalità andando in Impostazioni e toccando l’account in cui desideri abilitarla. Tutti i nostri aggiornamenti settimanali includono anche miglioramenti delle prestazioni e correzioni di bug per rendere Outlook migliore per te“.

Outlook di Microsoft ha deciso di impedire alle immagine esterne di essere visualizzate e dunque pericolose per i propri utenti

Per inciso, Gmail ha iniziato a mostrare le immagini per impostazione predefinita anni fa, ma elude i potenziali problemi di privacy utilizzando i server proxy. Quindi ogni azienda adotta la strategia che preferisce, ma indubbiamente ci sono tanti modi per emarginare questo genere di problemi. L’app di Outlook tra l’altro, che un tempo era associata alla denominazione hotmail, è tra le più gettonate tra gli utenti. Quindi i consumatori da soddisfare sono molteplici.

Leggi anche:  Microsoft Surface Go arriva in Italia: due versioni e sconti speciali fino al 30/09

Il servizio offerto da questa piattaforma esiste da molti anni, già nel 97 c’è stata la prima versione. L’ultima, invece, risale a circa due anni fa, ossia Microsoft Outlook 2016. Non è un semplice servizio di posta elettronica, come sicuramente sapete già. Nel pacchetto sono inclusi anche un calendario, un’agenda delle attività, le note, il diario e infine i contatti (ossia la rubrica). Tra l’altro, Outlook consente di sincronizzare i vari dati con Personal Digital Assistant. Anche per Mac è possibile utilizzare questo prodotto Microsoft, ed anche in tal caso l’ultima versione risale a due anni fa. Sebbene le varie versioni rilasciate negli anni siano di meno.