Se avete seguito l’I/O di Google quest’anno, dovrebbe essere chiaro quale sia la priorità per la società: Google Assistant. Piuttosto che creare app separate per gestire tutti i servizi offerti da Google, stiamo invece vedendo un elenco sempre crescente di funzionalità integrate nell’Assistente stesso.

Ma man mano che tale lista cresce, può essere sempre più difficile tenere traccia di ciò che offre. Di recente ad esempio molti utenti hanno riscontrato la capacità dell’assistente digitale di Google di ricordare dove hai parcheggiato. Google ha tentato in vari modi a tenere traccia di dove hai parcheggiato la tua auto, per anni. Manca il monitoraggio automatico dei punti di parcheggio di Google Now. La soluzione attuale che utilizzano Assistant e Maps può essere abbastanza potente.

Google Assistant e Google Maps ti aiutano a ricordare dove hai parcheggiato l’auto

Tutto ciò che devi fare per iniziare è avere la posizione abilitata sul tuo telefono e chiedere all’Assistente di ricordare dove hai parcheggiato. Registrerà le coordinate GPS in quel momento e le salverà su Google Maps, contrassegnando il posto con un perno di parcheggio speciale. Anche se questa funzione funziona come se avessi toccato la tua posizione attuale in Maps e selezionato manualmente l’opzione “Salva il tuo parcheggio”, l’utilizzo di Google Assistant accelera l’intero processo.

Leggi anche:  Google e iRobot: la collaborazione per mappare le stanze di casa degli utenti

Oltre a memorizzare la posizione del parcheggio, Assistant può anche facilitare l’aggiunta di note specifiche su dove hai lasciato la tua auto. C’è un numero spot o una sezione specifica del lotto che dovrai ricordare? Informa l’assistente che hai parcheggiato in una posizione così particolare e segnerà contemporaneamente le tue coordinate sulla mappa, aggiungendo anche questi dettagli aggiuntivi. Ancora una volta, questo è qualcosa che puoi fare manualmente in Maps, toccando il pin del parcheggio una volta impostato, ma avendo Assistant sarà tutto più semplice.