Facebook elimina dalla cronologia il "Mi piace": cosa realmente (non) cambieràDurante la conferenza degli sviluppatori F8, Facebook ha introdotto Cancella cronologia, una funzionalità che consentirà agli utenti di rimuovere completamente la cronologia dei “Mi piace”. In questo modo, la capacità del social network di memorizzare informazioni sulle preferenze delle persone verrà disattivata.

Questa funzione consentirà di vedere i siti Web e le applicazioni che ci inviano informazioni quando li usiamo, rimuovendo queste informazioni dall’account e disabilitare la nostra capacità di memorizzarle associandole al nostro account in futuro“, ha spiegato il responsabile della privacy di Facebook, Erin Egan, in una nota nel blog del social network.

 

Basta “Mi piace”

Dobbiamo ricordare e tenere sempre presente che le applicazioni e i siti Web che utilizzano funzioni come il pulsante “Mi piace” o la piattaforma di metriche del pubblico, Facebook Analytics, forniscono informazioni al social network in modo che possa indirizzare annunci personalizzati.

Facebook garantisce che l’eliminazione del record “Mi piace” rimuoverà le informazioni identificative in modo che i siti Web e le applicazioni non siano associati all’account. Ma questa azione, nonostante ciò, sembra non danneggerà le applicazioni che si utilizzano. “Possiamo generare rapporti quando riceviamo queste informazioni, così possiamo dire agli sviluppatori se le loro applicazioni sono più popolari tra uomini o donne di una certa fascia di età. Possiamo farlo senza memorizzare le informazioni associandole ad un account e, come sempre, non diremo agli inserzionisti chi sei“.

Leggi anche:  Facebook vuole rassicurare: nessuna intrusione nelle applicazioni di terze parti

Facebook ha detto che ci vorranno alcuni mesi per sviluppare questa funzione. Nel frattempo, lavorerà con i difensori della privacy, accademici, legislatori e regolatori per ottenere pareri sul suo nuovo approccio, “compreso il modo in cui pianifichiamo di eliminare le informazioni identificative e i rari casi in cui abbiamo bisogno di informazioni per motivi di sicurezza“.