Masako Wakamiya
81 anni e un amore per la tecnologia

Ma chi l’ha detto che la vecchiaia non fa rima con tecnologia? A rispondere – e per le rime – è Masako Wakamiya, che sta mettendo altri ottuagenari a dura prova. E non solo. Questa bella signora di 81 anni ha infatti creato un’applicazione per iPhone da sola ed è disponibile per il download su App Store. L’applicazione si chiama Hinadan e, in pratica, chiede ai giocatori di mettere 12 bambole nell’ordine corretto.

Si tratta di un gioco molto semplice, va bene, il cui scopo è quello di insegnare alle persone come onorare correttamente la tradizione secolare dello hinamatsuri (noto anche come la festa della bambola o Girls’ Day, che ricorre il 3 febbraio.

Se vi state chiedendo come abbia fatto questa simpatica nonna a creare un’app mentre le vostre nonnine si dilettano con lasagne e parmigiane, sicuramente la conclusione è che Wakamiya non è per niente come qualsiasi nonna media. Dopo aver trascorso 43 anni di lavoro presso una delle più grandi banche del Giappone, all’età di 60 (nel lontano 1996), Masako Wakamiya ha deciso di imparare come utilizzare un computer e rimanere impegnata con la tecnologia e seguirla per come si è evoluta nel corso degli ultimi due decenni.

Già nel 2014, aveva raccontato del suo viaggio nella tecnologia e quello che si evolve e mantiene o si perde lungo il suo corso. Si tratta di un affascinante ed estremamente penetranti discorso, come si evince dal video a seguire:

Si potrebbe, a ragione, dire che Wakamiya possieda un archivio digitale di esperienze personali, come in genere caratterizza chi ha vissuto la Seconda Guerra Mondiale e il dopoguerra. Il sito dell’intrepida nonnina nipponica è stato riconosciuto al World Summit Awards delle Nazioni Unite nella categoria E-Culture per il Giappone. Ma-chan – come viene onorevolmente chiamata – ora svolge attività online e offline con i club di computer per anziani in tutto il mondo. Inoltre, segue un proprio sito personale dove si parla dei suoi viaggi personali in tutto il mondo, la creazione ad arte di fogli di calcolo Excel e tiene lezioni di calligrafia attraverso MS Paint.

Dunque, se stiamo sbattendo la testa per la vergogna mentre ci chiediamo cosa abbiamo fatto nella nostra vita o il perchè dei nostri impedimenti con la tecnologia, diamo uno sguardo alla caparbietà di questa grande 81enne. Masako Wakamiya e la sua brillantezza di ispirazione, sicuramente, deve continuare ad ispirarci ancora per molti anni.

Articolo precedenteWind Talk Golden Ticket permette di avere 1000 minuti, 100 SMS e 5 Giga a 10€: ecco come attivare
Articolo successivoVodafone Huawei P8 Lite 2017 a partire da 1€ al mese con 2 Giga gratis inclusi
Federica Vitale
Federica Vitale nasce come web writer convinta e le sue passioni, sin da bambina, si sono rivelate la carta e la penna. Laureata in Relazioni Internazionali presso l’Università degli Studi di Perugia, ha conseguito la laurea in Lingue e Letterature Straniere nel 2003 e ha proseguito gli studi laureandosi nuovamente nel 2007 in Scienze e Tecniche della Comunicazione, presso la facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Viterbo, dove ha collaborato come cultore della materia per la cattedra di Linguaggi Audiovisivi. Il suo percorso formativo e la sua passione per il cinema e la letteratura l’hanno portata a specializzarsi nell’analisi della produzione letteraria e delle sue trasposizioni cinematografiche. Ha pubblicato il libro 'L’universo africano di Karen Blixen'. Ama scrivere ed esprimersi anche attraverso la fotografia poiché le piace vivere il mondo a 360°. La passione per l’immagine e per le parole si riassumono nella creazione dell’articolo.