galaxy s6

Ancora Samsung Galaxy S6 dal MWC 2015 questa volta l’approfondimento è sulla parte software (confronto estetico) con somiglianze e differenze con il software presente sul Galaxy Note 4 e che rappresenta quello delle versioni precedenti.

Anche se non è la versione definitiva di Android quella presente sul Galaxy S6 ci da sicuramente un’idea abbastanza definitiva di quello che saranno le performance di questo device. La versione Android è la 5.0.2 Lollipop a differenza di quella rilasciata in alcuni Paesi per il Note 4 che è invece la 5.0.1, entrambi saranno aggiornati all’ultima release 5.1. A cambiare è anche la versione del Kernel che nel Galaxy S6 è la 3.10.61 mentre sul Note 4 è la 3.10.40.

In fatto di fluidità il Note 4 e l’S6 se la battono alla pari, anche se è ancora presto per dare un giudizio definitivo, nonostante la stessa quantità di RAM, 3GB per entrambi, e un numero inferiore di applicazioni installate sul Galaxy S6 la RAM utilizzata da quest’ultimo è tanta e 1GB solo è libera, sul Note 4 dove sono installate tantissime applicazioni molte delle quali attive in background ci sono più di 800MB liberi.

Il solito problema di ottimizzazione oppure anche il Galaxy S6 ha un elevato utilizzo della RAM? Anche a questa domanda non si può rispondere nell’immediato, sappiamo che il software non è quello definitivo e, inoltre, i device presenti alla fiera hanno un valore espositivo differente da quello che sarà commercializzato.

Leggi anche:  Android: queste applicazioni possono fare al caso vostro, sono tutte gratis

Una cosa che troviamo sul Galaxy S6 Flat a differenza del Galaxy Note 4 sono i temi che entrano nel software Samsung a partire dai Galaxy della gamma A. Smart Manger è una nuova applicazione di Samsung in cui è possibile visualizzare a colpo d’occhio, grazie alle icone, la quantità di batteria ancora a disposizione, la RAM e la quantità di memoria interna e se il sistema è protetto oppure no. Presente anche il tasto Pulisci tutto che consente di chiudere le app attive e che non abbiamo chiuso, ma non quelle in background perché non servirebbe chiuderle, anzi sarebbe controproducente come spiegato nel nostro articolo Perché RAM Booster e Task Killer fanno male ad Android.

Tra le applicazioni presenti sul Galaxy S6 troviamo anche tre app di Microsoft: OneDrive, OneNote e Skype. Ora si potrà utilizzare il Cloud di Microsoft per sincronizzare i nostri pc con il nuovo top di gamma sudcoreano.

Vi lascio al video seguente per vedere da vicino il funzionamento del software del Galaxy S6 Flat.