WhatsApp, il noto programma di messaggistica mobile multi-piattaforma, consente di scambiarsi messaggi, foto, suoni coi propri contatti che lo possiedono, nel mondo oltre 10 miliardi di messaggi gratuiti al giorno vengono scambiati tramite WhatsApp,

l’applicazione è disponibile sia per iPhone che per Android ed è “l’app messenger” per Android più popolare del pianeta, che consente di scambiarsi sms gratis con la sola necessità di una connessione internet.

Ma dopo tutto questo ben parlare ecco il punto dolente. WhatApp è un applicazione molto vulnerabile, ergo i vostri messaggi sono facilmente violabili da terze persone.

WhatsApp è infatti una delle applicazioni meno sicure di Android per quanto riguarda la sicurezza. Sam Granger, sviluppatore web, ha spiegato che qualsiasi hacker è in grado di rubare senza difficoltà uno o più account di WhatsApp, grazie alla semplice modalità della registrazione (che va in automatico, con il numero di cellulare come nome utente e la password generata dal codice Imei del telefonino). L’algoritmo MD5, da tempo conosciuto per la scarsa sicurezza, è il responsabile del “bug”: per gli hacker è infatti un gioco da ragazzi risalire al sistema di codificazione della password, e quindi gli haker possono entrare nei nostri account con molta semplicità. State quindi attenti a diffondere dati strettamente personali, poichè potreste non essere gli unici a visionarli.

Vincenzo
Sono uno studente di Economia, classe 1988. Da sempre sono appassionato di tecnologia e in particolar modo sono un fan di Android. Il mio primo Smartphone Android è stato il Sony Xperia P, dal giorno in cui ho avuto questo dispositivo tra le mani sono rimasto estasiato dalla miniera di risorse offerta da Android ed è per questo che seguo sempre da vicino le vicende riguardanti il mondo di Android. Mi cimento a capire e a sfruttare le innumerevoli risorse che il mio Smartphone mi offre. Inoltre mi piace informarmi e tenermi aggiornato su tutto ciò che riguarda la tecnologia in generale. Svolgo il ruolo di articolista/blogger dall’ Agosto 2012, prima di entrar a far parte di Tecnoandroid.it ho collaborato per altri siti sempre attinenti a questo tema. Mi piace dialogare con le persone e dare consigli su ciò che è l’elettronica in generale.