cellule-movimento-scoperta-svelare

I ricercatori della Johns Hopkins Medicine hanno rivelato la fisica della mobilità cellulare nelle pagine di Nature Cell Biology. Hanno scoperto che il controllo della carica elettrica all’interno della membrana cellulare è importante per il processo. I ricercatori hanno condotto test su cellule immunitarie e amebe, dimostrando come una sovrabbondanza di cariche negative lungo il lato interno della membrana possa attivare tratti di lipidi, enzimi e altre proteine, dirigendo così la cellula in un determinato modo.

La ricerca contribuisce alla crescente conoscenza della mobilità cellulare da parte dei biologi, che un giorno potrebbe aiutare a svelare i misteri delle cellule tumorali, delle cellule immunitarie e di altre forme di migrazione cellulare. Gli autori sostengono infatti che questo tipo di informazioni potrebbe far luce su una serie di processi biologici legati al movimento, come la migrazione delle cellule cancerose al di fuori del sito tumorale primario e la migrazione delle cellule immunitarie verso i siti di infezione o di guarigione delle ferite.

I ricercatori della Johns Hopkins hanno rivelato alcune scoperte

Il Prof. Peter Devreotes del Dipartimento di Biologia Cellulare della Johns Hopkins University ha dichiarato: “Il traffico di cellule nel nostro corpo è molto più intenso di quanto si pensi. Tuttavia, esse devono essere in movimento per svolgere una serie di compiti, come consumare il cibo o replicarsi”.

Gli esperimenti di bioluminescenza hanno rivelato che la carica elettrica negativa lungo la membrana interna è diminuita nel momento e nel luogo in cui le cellule hanno sviluppato tali sporgenze. D’altra parte, la superficie di una membrana cellulare a riposo ha una carica elettrica più elevata, che attira a sé più proteine cariche positivamente.

L’équipe della Johns Hopkins ha addirittura ampliato il concetto. Hanno infatti sviluppato nuove molecole codificate che possono essere trasportate all’interno della cellula utilizzando la luce. Gli scienziati hanno scoperto che, alterando la carica superficiale della cellula, potevano farla migrare in qualsiasi direzione desiderata, incoraggiando o scoraggiando la formazione di ulteriori sporgenze.

Articolo precedenteSciopero benzinai, confermate le chiusure dal 24 al 26 gennaio
Articolo successivoApple potrebbe non aggiornare HomePod Mini
Avatar
Appassionato di tecnologia e videogiochi. Sono uno studente di Ingegneria informatica a tempo pieno, ma ho anche altri difetti.