whatsapp

La stessa Meta lo aveva già anticipato lo scorso novembre, ma ora è finalmente arrivata. Parliamo della funzione Message Yourself dell’app di messaggistica istantanea WhatsApp, ora disponibile per tutti gli utenti. Tramite questa novità, gli utenti potranno aprire una conversazioni con loro stessi, così da salvare informazioni utili che utilizzeranno poi.

Message Yourself non è però una novità assoluta nello scenario odierno. Infatti, app come Telegram, Facebook Messenger e Instagram già disponevano di questa funzione. Ora, quindi, potremmo inviare messaggi in una chat visibile solo a noi, magari per scrivere note importanti o salvare link, vocali e documenti. Scopriamo nel dettaglio come funziona.

 

WhatsApp, ora puoi scambiare i messaggi con te stesso

WhatsApp consentiva di fare una cosa del genere ma solamente creando un gruppo con altri utenti per poi rimuoverli e rimanere soli nel gruppo. Ora invece basterà lanciare una conversazione con il nostro stesso utente e salvare i messaggi che c’interessano. Inoltre, sarà possibile fissare la chat in alto proprio come avviene per ogni altra conversazione, così da avere sempre sotto mano la nostra chat di “salvataggio”.

WhatsApp Message Yourself

Mediante Message Yourself inoltre l’utente potrà anche salvare un’informazione sul computer (con WhatsApp Web o l’app per desktop) per poi ritrovarsela sullo smartphone tra le varie conversazioni. Questa nuova funzione potrà essere utilizzata in combinazione con altre: la più scontata è sicuramente quella dei messaggi effimeri, dove l’utente potrà impostare un’eliminazione automatica di tutti i messaggi della conversazione con sé stessi in 24 ore dall’invio, 7 giorni o 90 giorni. In questo modo, non avremo la chat piena di cose che magari non ci servono più.

Articolo precedenteGli scienziati stanno usando l’intelligenza artificiale per tradurre il linguaggio degli animali
Articolo successivoAir Force One, la vastità di aerei appartenenti a Joe Biden (e non solo)
Christian Savino
Christian, 24 anni. Appassionato di tecnologia e musica da sempre. Autore per TecnoAndroid dal 2019.