Luna di Saturno chiamata Encelado

La luna di Saturno Encelado è uno dei principali luoghi extraterrestri del Sistema Solare in cui la vita può prosperare. Ospita un oceano salato che mantiene teoricamente a temperature ospitali un ecosistema marino alieno.

Rilevare quella vita, tuttavia, non è una cosa così facile. La luna è racchiusa da un guscio di ghiaccio che si stima abbia uno spessore di 5 chilometri nel suo punto più sottile, e l’oceano sottostante è profondo 10 chilometri. Ciò rappresenterebbe una sfida abbastanza grande qui sulla Terra, per non parlare di una luna a mezzo Sistema Solare di distanza.

Ma dopotutto potremmo non aver bisogno di fare tutto lo sforzo per perforare il guscio di Encelado. Un nuovo studio rileva che dovremmo essere in grado di rilevare la vita sulla luna ghiacciata nei pennacchi di acqua salata che eruttano dalla sua superficie, anche se non c’è molta vita lì.

“Chiaramente, mandare un robot a strisciare attraverso le fessure del ghiaccio e immergersi in profondità nel fondo del mare non sarebbe facile“, afferma il biologo evoluzionista Regis Ferrière dell’Università dell’Arizona.

Gli scienziati sono elettrizati al pensiero

Simulando i dati che un veicolo spaziale in orbita più preparato e avanzato raccoglierebbe solo dai pennacchi, il nostro team ha ora dimostrato che questo approccio sarebbe sufficiente per determinare con sicurezza se c’è o meno vita nell’oceano di Encelado senza dover effettivamente sondare le profondità della luna. Questa è una prospettiva elettrizzante“.

Encelado è molto diverso dalla Terra; è improbabile che brulichi di mucche e farfalle. Ma nelle profondità dell’oceano terrestre, lontano dalla luce vivificante del Sole, è emerso un diverso tipo di ecosistema. Raggruppata attorno a prese d’aria nel fondo dell’oceano che emettono calore e sostanze chimiche, la vita non si basa sulla fotosintesi ma sullo sfruttamento dell’energia delle reazioni chimiche.

Ciò che sappiamo di Encelado suggerisce che ecosistemi simili potrebbero essere in agguato sul suo fondo marino. Completa un’orbita di Saturno ogni 32,9 ore, viaggiando su un percorso ellittico che flette l’interno della luna, generando abbastanza calore da mantenere liquida l’acqua più vicina al nucleo.

Questa non è solo teoria: al polo sud, dove il guscio di ghiaccio è più sottile, giganteschi pennacchi d’acqua alti centinaia di chilometri sono stati visti eruttare da sotto il ghiaccio, eruttando acqua che secondo gli scienziati contribuisce alla formazione del ghiaccio di Saturno.

Quando la sonda Cassini di Saturno ha attraversato questi pennacchi oltre un decennio fa, ha rilevato diverse molecole curiose, tra cui alte concentrazioni di una raccolta associata alle prese d’aria idrotermali della Terra: metano e quantità minori di diidrogeno e anidride carbonica. Questi possono essere collegati agli archei produttori di metano qui sulla Terra.

FONTEsciencealert
Articolo precedenteInstagram, ecco come vedere le storie di una persona senza farsi scoprire
Articolo successivoNASA, il 2023 sarà l’anno delle missioni che lasceranno un segno nella storia dell’umanità
Simone Paciocco
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it