NASA, la missione che estenderà le vite operative di satelliti e navicelle spaziali

Lo spazio telescopio Hubbell ha un’orbita che si sta deteriorando dall’inizio delle sue operazioni nel 1990, che si trova a 335 miglia (540 chilometri) sopra la Terra. Rilanciarlo in un’orbita più alta e stabile potrebbe aggiungere anni alla durata di vita operativa di Hubbell, ritardando il momento in cui NASA deve deorbitare o smaltire il telescopio. Durante le sue cinque missioni spaziali con il trasporto spaziale a servizio di Hubbell, NASA ha usato il trasporto spaziale per rilanciare il telescopio.

Nasa: la missione per aumentare l’orbita del telescopio spaziale Hubbell

L’ultima missione di servizio di Hubbell con il trasporto spaziale è stata nel 2009. NASA ha ritirato la sua flotta di trasporto spaziale nel 2011. L’idea di sollevare Hubbell a un’orbita più alta utilizzando una navicella spaziale Dragon a costo zero per il governo è stata sviluppata inizialmente tra SpaceX e Polaris Program, un programma privato di missioni spaziali che utilizza le navicelle spaziali Dragon e Starship di SpaceX finanziato dal miliardario Jared Isaacman. L’accordo non finanziato tra SpaceX e NASA per studiare la fattibilità del rilancio di Hubbell è stato quindi firmato a settembre 2022. Lo studio di SpaceX è stato progettato per aiutare NASA, che attualmente non ha piani per operare o finanziare una nuova missione di servizio di Hubbell, a determinare la possibilità commerciale di una tale missione. Lo studio di SpaceX mirava inoltre a individuare le sfide tecniche di un tale sforzo di servizio. Il fatto che lo studio sia non esclusivo significa che altre aziende sono libere di proporre i loro studi di servizio di Hubbell basati sull’utilizzo di razzi o navicelle spaziali diversi.

Questi studi raccoglieranno dati da Hubbell stesso e dalla navicella spaziale Dragon di SpaceX per valutare la possibilità di incontrarsi e agganciarsi in modo sicuro al telescopio spaziale prima di trasferirlo in un’orbita più alta e stabile. Si prevede che gli studi richiedano circa 6 mesi per essere completati. “Questo studio è un esempio emozionante delle approcciative innovative che NASA sta esplorando attraverso le partnership pubblico-private”, ha dichiarato Thomas Zurbuchen, direttore associato della Direzione per le missioni scientifiche della NASA a Washington, in una dichiarazione.

“Mentre la nostra flotta cresce, vogliamo esplorare una vasta gamma di opportunità per supportare le missioni scientifiche più robuste e superlative possibili”. L’operazione per rilanciare Hubbell dimostrerebbe come si potrebbero estendere le vite operative dei satelliti e delle navicelle spaziali più vecchi, soprattutto quelli in orbite vicine alla Terra come il telescopio spaziale. “SpaceX e il Polaris Program vogliono espandere i confini della tecnologia attuale e esplorare come le partnership commerciali possono risolvere in modo creativo problemi complessi impegnativi”, ha detto Jessica Jensen, vicepresidente delle operazioni e dell’integrazione dei clienti di SpaceX. “Missioni come il servizio di Hubbell ci aiuterebbero a espandere le capacità spaziali per aiutarci tutti a raggiungere i nostri obiettivi di diventare una civiltà spaziale mult pianetaria”.

Articolo precedenteExpert, che sconti nel volantino, offerte oggi al 90%
Articolo successivoOne Plus 11, è ufficialmente arrivata la scheda tecnica del nuovo modello
Melany Alteri
La scrittura rende liberi ed io amo la libertà come la fotografia, l'arte, la natura e la pace. Scrivo poesie da quando ero bambina e in ogni cosa che faccio metto cuore ed anima. Sono una perfezionista, ballerina, attrice, make up artist, e cerco la bellezza in tutto ciò che mi circonda.