BatterieL’Unione Europea ha approvato soltanto qualche mese fa la proposta per la quale smartphone, tablet e dispositivi elettronici vari dovranno fare ricorso a un caricabatterie universale al fine di ridurre i consumi superflui. A partire dal 2024, tutte le aziende dovranno far ricorso esclusivamente a una porta USB-C. La notizia ha fatto scalpore suscitando una certa curiosità verso quella che sarà la soluzione adottata soprattutto da Apple.

L’adozione di un caricabatterie universale non è l’unica misura adottata dall’Unione Europea al fine di ridurre i consumi di materiale non necessario e favorire gli utenti diminuendo le spese. In questi ultimi giorni è tornata a circolare la notizia per la quale l’UE ha detto si alle batterie sostituibili e riciclabili. 

UE: approvata la proposta sulle batterie sostituibili e riciclabili!

 

La proposta risale al dicembre 2020, quando la Commissione Europea proponeva il ricorso a un nuovo regolamento per la produzione e gestione di pile e batterie. Di recente la notizia è tornata a far scalpore tra gli utenti ma sembra esserci un po’ di confusione.

L’intento dell’Unione Europea non è quello di imporre alle aziende il ricorso alle batterie sostituibili bensì quello di promuovere un regolamento che renda la produzione, l’utilizzo e lo smaltimento delle batterie quanto più sicuro e sostenibile. Le aziende produttrici di smartphone, ad esempio, sarebbero esortate a rendere le batterie dei loro dispositivi facilmente sostituibili così da non danneggiare gli smartphone e allo stesso tempo favorire il riciclo.

Il regolamento pensato dall’UE non è ancora in vigore ma potrebbe presto essere ripreso in considerazione e affiancato ai provvedimenti circa la porta USB-C obbligatoria a partire dal 2024.

Articolo precedente3 consigli per TikTok che ti aiuteranno ad andare virale in poco tempo
Articolo successivoSorgenia Luce, Gas e Fibra propone 180 euro di sconto in bolletta
Giorgia Leanza
Diplomata in Scienze Umane, Giorgia Leanza è una studentessa di Lettere Moderne presso l'Università di Catania. Appassionata d'arte, letteratura e tecnologia e si rifugia nella scrittura. Coltiva diversi interessi ed ha sempre un nuovo libro sul comodino.