Pamu è uno dei marchi audio finanziati in crowdfunding di maggior successo negli ultimi anni. L’azienda, Padmate Tech, è stata fondata nel 2010 a Hong Kong e si è concentrata su prodotti audio elettronici. Dal 2018 ha iniziato a lanciare auricolari true wireless attraverso il crowdfunding e nel 2019 Pamu Slide ha vinto il jackpot con oltre 10 milioni di dollari raccolti. Dopo aver lanciato altri auricolari come i Pamu Quiet, Padmate Tech torna alla serie Slide con i nuovi Pamu Slide 2.

Confezione e materiali:

La confezione piccola, quadrata e bianca presenta al suo interno:

  • La coppia di auricolari;
  • La custodia di ricarica;
  • Un cavo di ricarica Type-A – Type-C;
  • Una sacchetta porta custodia brandizzata;
  • Quattro paia di gommini di ricambio di diverse misure;
  • Manuale d’istruzione;

Finalmente delle cuffie true wireless originali, infatti le Pamu Slide 2 si distinguono nettamente dalla massa con un designo moderno e originale. Il modello da noi in prova ha una bellissima colorazione verde militare opaca. I materiali sono molto piacevoli al tatto e danno la sensazione di un prodotto ben costruito. Sulla parte superiore troviamo la porta USB-C per la ricarica della custodia, mentre sulla parte inferiore troviamo una striscia di avanzamento LED, come sulle Pamu Quiet, che indica il livello di carica della batteria.

Specifiche e nocità rispetto al passato:

  • Qualità del suono ANC + HIFI, bassi potenti;
  • Ultimo Bluetooth 5.2;
  • Design della copertura scorrevole;
  • Stile fotocamera con design texture CD in vinile;
  • Chiamate super chiare;
  • Doppia connessione;
  • Modalità di gioco a latenza ultra bassa di 40 ms;
  • 26 ore di riproduzione, lunga durata della batteria;
  • Come suggerisce il nome, la custodia di ricarica si apre facendo scorrere la cover per accedere agli auricolari. E come il predecessore, le nuove Pamu Slide 2 hanno un design dello stelo. Oltre a queste due caratteristiche, gli altri elementi di design sono completamente trasformati, le Pamu Slide 2 non assomigliano per niente alle Pamu Slide di prima generazione;

Caratteristiche dell’ANC:

Dall’app, potete scegliere due modalità di commutazione ANC: La modalità A che attiva solo ANC e trasparenza. La modalità B alterna ANC, trasparenza e riduzione del rumore del vento. Non c’è alcuna opzione per poter disabilitare la funzione ANC.

Il livello ANC è fisso e la frequenza più bassa viene eliminata in modo abbastanza intenso per darvi quell’effetto insonorizzante. Le frequenze più alte, tuttavia, spiccano e possono essere udite debolmente. Quindi, in una stanza tranquilla sarete in grado di sentire i suoni di digitazione della tastiera, nei locali, potete sentire il tintinnio degli utensili. Tutto ciò potrebbe non sembrare ovvio se state riproducendo musica in streaming nelle gemme, quindi l’ANC vi aiuta a farvi ascoltare la musica senza alzare troppo il volume.

La modalità “Potenziamento vocale” ha tre impostazioni tra cui scegliere. “Vicino” è l’impostazione predefinita, dove il livello di trasparenza è piuttosto basso. Potete sentire i suoni ambientali che sono abbastanza morbidi e ancora attutiti. Nell’impostazione “Modalità bassa”, il rumore ambientale è più forte con enfasi sulle voci. In “Modalità alta”, la gamma media superiore viene ulteriormente amplificata per ottenere sensi uditivi elevati. Si riescono a captare le conversazioni delle persone intorno a voi in modo piuttosto chiaro, un’opzione piuttosto buona per “origliare”. Le frequenze più basse non vengono potenziate, quindi non sarete sopraffatti da rumori rimbombanti, ma i rumori bianchi sibilanti (come la pioggia) sono piuttosto forti. Rispetto alle Pamu Quiet, le Pamu Slide 2 offre un ANC leggermente migliore.

App e impostazioni:

Le funzionalità di Pamu Slide 2 possono essere gestite dall’app per smartphone Pamu, come la modalità ANC, Audio Passthrough (trasparenza), bassa latenza, preset EQ, controlli touch e l’abilitazione del rilevamento in-ear. VPotete  anche il livello di batteria rimanente su ogni auricolare e aggiornamento del firmware.

L’App è ben fatta e di facile utilizzo. In pochi secondi avrete già appreso tutte le funzionalità che potete impostare alle varie voci. Non sono tanti i settaggi disponibili, ma sono tutti quelli necessari su un dispositivo del genere.

Qualità audio:

Dall’app per smartphone, ci sono opzioni per selezionare l’equalizzazione preimpostata. L’impostazione predefinita è “Pop”, che presenta un’accordatura piuttosto eccitante con acuti elettrizzanti e bassi rapidi e serrati che non offuscano le frequenze superiori. La gamma media è pulita per mantenere chiara l’accordatura generale.

Quando si passa all’equalizzazione “Normale”, i bassi e gli alti vengono appiattiti mentre la gamma media viene leggermente sollevata, quindi il suono generale è più piatto e meno eccitante ma la chiarezza e i dettagli sono ancora presenti, i bassi sono meno netti e occupano una frequenza più ampia. In “Vocal” EQ, il basso viene ulteriormente ridotto mentre la gamma vocale viene alzata, portando i suoni strumentali in secondo piano. In “Rock” EQ, i bassi e gli alti sono esagerati più di “Pop”, la gamma media è incassata e gli strumenti principali suonano in maniera più equilibrata. In “Jazz” EQ, l’accordatura è simile a “Vocal”, ma gli alti superiori sono leggermente alzati, quindi le percussioni suonano più brillantemente, ma non ancora al livello “Pop”. Infine, il “Classico” ha l’accordatura degli alti superiori più brillante, che immagino sia per far suonare gli strumenti acustici in modo super chiaro.

Qualità delle chiamate:

Le Pamu Slide 2 sembrano riuscire a catturare la voce anche in un ambiente molto rumoroso. Laddove la maggior parte degli altri auricolari si guasta, le Slide 2 sembrano essere in grado di captare la nostra voce, ma possono diventare dirompenti se l’ambiente è molto rumoroso. Per una condizione moderatamente rumorosa, le Pamu Slide 2 sembrano essere in grado di filtrare il rumore e far sentire la voce all’altra parte. In un ambiente tranquillo, il microfono capta la voce in modo chiaro con una buona quantità di frequenza superiore in modo che presenti un tono chiaro.

Quando viene avviata una chiamata, la modalità ANC o Trasparenza corrente viene mantenuta, ma non è possibile cambiare modalità durante la chiamata.

Batteria e autonomia:

La capacità della batteria integrata nella custodia delle Pamu Slide 2 è di 450 mAh, il che significa che l’auricolare può essere caricato completamente 3 volte, ciascuna con una batteria da 45 mAh.

A proposito di numeri, possiamo dirvi che la vera autonomia di queste Pamu Slide 2 è di circa 4 ore e mezza con ANC attivato e poco più di 5 ore con ANC disattivato. Gli auricolari si caricano attraverso la custodia in circa un’ora e mezza, lo stesso tempo impiegato dalla custodia per caricarsi tramite USB-C; la ricarica wireless è di circa mezz’ora più lenta, impiegando fino a due ore, ma una funzionalità molto comoda da avere.

Conclusioni e prezzo:

Le Pamu Slide 2 si discostano leggermente dall’accordatura dei bassi pesanti ma si aprono a un vasto pubblico che apprezza la musica per qualcosa di più del semplice basso. La qualità ANC è migliorata e l’app ha più funzionalità rispetto ai modelli precedenti e ciò aiuta a personalizzare gli auricolari in base alle vostre esigenze. Pamu ha anche progettato originalmente una custodia di ricarica unica che posizionerà Pamu Slide 2 come un altro iconico auricolare true wireless da possedere.

Le potete acquistare ad un prezzo di circa 70 – 80 euro al cambio, direttamente dal sito di indiegogo dalla quale le potete prenotare.

Pamu Slide 2

70,00 €
8.6

Design e materiali

9.5/10

ANC

8.5/10

Autonomia

8.0/10

Prezzo

8.5/10

Softaware

8.5/10

Pro

  • Design originale
  • Prezzo giusto

Contro

  • Parametri non settabili in chiamta
Stefano Germinal
3D artist e videomaker grande amante del cinema e della tecnologia. Predilige i film fantasy, sci-fi, horror e d'animazione. Ha un cuore nerd, mai togliergli i suoi anime e le serate in fumetteria il mercoledì sera.