Energia illimitata turbine Giappone

Una gigantesca turbina sottomarina che imbriglia le profonde correnti oceaniche e le converte in fonte di elettricità potrebbe essere la soluzione che stiamo cercando, in un anno di grande tensione economica e politica, segnato dall’alto costo dei combustibili fossili.

Il prezzo del petrolio è salito alle stelle lunedì dopo che l’Unione Europea raggiungerà un accordo per vietare il 90% del greggio russo entro la fine dell’anno.

La media statunitense per la benzina senza piombo è ora di 4,59 dollari al gallone, in aumento del 40% da inizio anno e ben al di sopra del livello dell’anno scorso di $ 3,04 al gallone, secondo AAA.

Come altre nazioni, la maggior parte degli investimenti del Giappone nelle energie rinnovabili è andata verso l’energia eolica e solare. Il paese asiatico è già il terzo più grande generatore di energia solare al mondo e sta investendo molto nell’energia eolica offshore.

La sua soluzione più recente al problema dello stoccaggio di combustibili fossili è stata una turbina sottomarina denominata sistema Kairyua che potrebbe fornire energia illimitata e rinnovabile, indipendentemente dal vento o dal sole.

Secondo Bloomberg dietro questo progetto ci sta il produttore giapponese di macchinari pesanti IHI Corp, che da oltre un decennio sviluppa queste gigantesce turbine.

Il prototipo da 330 tonnellate, già testato con successo, è progettato per essere ancorato al fondo del mare a una profondità compresa tra 30 e 50 metri. Il piano è di localizzarlo sulla corrente Kuroshio, che corre lungo la costa orientale del Giappone ed è una delle più forti al mondo, e trasmettere energia attraverso i cavi sul fondo del mare.

“Le correnti oceaniche hanno un enorme vantaggio in termini di accessibilità in Giappone“, ha affermato Ken Takagi, professore di politica della tecnologia oceanica presso l’Università di Tokyo. “L’energia eolica è geograficamente più adatta per l’Europa, che è esposta ai venti occidentali e si trova a latitudini più elevate”.

Ma, nonostante le sue alternative alle fonti rinnovabili, l’intera zona euro ha sofferto a maggio di un aumento annuale dei prezzi trainato dagli elevati costi energetici, che hanno raggiunto il 39,2% (contro il 37,5% di aprile). L’aumento è stato esacerbato dalla guerra in Ucraina, le esportazioni sono bloccate ei paesi occidentali si sforzano di ridurre la loro dipendenza dal gas russo.

Perché la turbina giapponese può fare la differenza?

La Japan New Energy and Industrial Technology Development Organization (NEDO) stima che la corrente di Kuroshio, dove sarà situata la turbina, potrebbe potenzialmente generare fino a 200 gigawatt, circa il 60% dell’attuale capacità di generazione del paese.

La cosa migliore della turbina Kairyu è che sfrutterà il grande vantaggio delle correnti oceaniche: la sua stabilità. Le correnti fluiscono con poche fluttuazioni di velocità e direzione, dando loro un fattore di capacità (una misura della frequenza di generazione elettrica) dal 50 al 70%, rispetto a circa il 29% generato dall’energia eolica a terra e al 15% dall’energia solare.

I test effettuati da IHI e NEDO hanno mostrato che il prototipo potrebbe generare 100 kilowatt di potenza stabili previsti e il produttore ora prevede di scalare a un sistema completo da 2 megawatt che potrebbe essere operativo entro il 2030.

Ocean Energy Systems, una collaborazione intergovernativa istituita dall’Agenzia internazionale per l’energia, vede il potenziale per distribuire più di 300 gigawatt di energia oceanica a livello globale entro il 2050.

FONTEarchyde.com
Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it