aumento prezzo benzina diesel

Il prezzo medio della benzina senza piombo in Italia ha nuovamente superato i due euro al litro, con un aumento di oltre sette centesimi nell’arco di una settimana.

Secondo gli ultimi dati del Ministero per la Transizione Ecologica (MITE), l’attuale prezzo medio nazionale della benzina è di 2,014 euro al litro (un aumento del 3,8 per cento rispetto alla scorsa settimana), mentre anche il prezzo del diesel è salito a 1,935 euro al litro (un aumento del 4,5 per cento nello stesso periodo).

Ciò significa che i prezzi della benzina hanno superato la soglia simbolica di due euro per la seconda volta da marzo e ora sono ai massimi storici.

Questo è il quarto aumento settimanale più grande di tutti i tempi, sia per la benzina che per il diesel“, ha affermato l’UNC (National Consumers Union) attraverso una dichiarazione. “Dall’inizio della guerra il prezzo della benzina è aumentato di 16 centesimi al litro, mentre il prezzo del gasolio è aumentato di 21 centesimi al litro”.

I prezzi continueranno a salire

L’aumento ha suscitato indignazione tra gli imprenditori e le associazioni dei consumatori in tutto il paese.

Ma c’è una possibilità concreta che la situazione possa peggiorare ulteriormente perché i proprietari delle stazioni di servizio avvertono che i prezzi del carburante potrebbero superare la soglia dei 2,5 euro nei prossimi mesi.

E’ un’emergenza globale“, ha detto Massimiliano Donà, presidente dell’UNC. “Il governo deve porre fine alla speculazione limitando i prezzi del carburante o, meglio ancora, imponendo prezzi fissi fino alla fine di questa pericolosa escalation“.

Il gruppo per i diritti dei consumatori Codacons ha affermato che l’ultimo aumento dei prezzi significa che ora costa alla famiglia media 491 euro in più all’anno per fare il pieno di un’auto a benzina e 565 euro per coloro che possiedono un veicolo diesel.

FONTEthelocal.it
Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it