google-play-mostra-informazioni-cosa-fanno-app-tuoi-dati

Non è raro che il telefono di una persona sia pieno zeppo di app, molte delle quali potrebbero non essere state utilizzate e dimenticate. Molti utenti non sono consapevoli del fatto che quasi tutte le app raccolgono e utilizzano i dati del telefono, anche se si tratta di informazioni relativamente innocue come il tipo di telefono o il numero di volte in cui un’app è stata avviata. La maggior parte degli utenti non è a conoscenza del fatto che le app utilizzano tali informazioni prima dell’installazione. Di conseguenza, Google ora visualizza immediatamente le informazioni relative alla privacy sulla pagina del Play Store di un’app, consentendo ai clienti di prendere una decisione informata sull’installazione o meno dell’app.

Google ha annunciato questa nuova funzione di privacy in un post sul blog, ma gli utenti non dovrebbero sorprendersi se alcune app non sono incluse con alcuna informazione. Ciò è dovuto alla decisione di Google di consentire agli sviluppatori fino al 20 luglio di conformarsi ai nuovi criteri. Questa nuova sezione apparirà insieme alle sezioni della pagina dell’app come ‘Informazioni su questa app’ e ‘Valutazioni e recensioni’.

Google Play, la novità è già disponibile

L’efficacia di queste informazioni sarà misurata principalmente dal fatto che gli utenti leggano il contenuto per prendere una decisione informata. Presuppone inoltre che i consumatori capiscano ciò che viene detto, nonostante gli sforzi di Google per rendere la terminologia il più comprensibile possibile.

Questa nuova funzionalità per la privacy mira a offrire agli utenti un maggiore controllo sulla propria vita digitale guidandoli nella decisione di quali app installare e quali evitare. Funziona in combinazione con altre funzionalità di sicurezza e privacy, come il sistema di autorizzazioni per proteggere gli utenti da sviluppatori non etici che userebbero i dati raccolti a vantaggio personale.

Sfortunatamente, questa strategia dipende fortemente dal fatto che gli sviluppatori siano veritieri riguardo alle informazioni che pubblicano in quella sezione. C’è molto da coprire e alcuni sviluppatori potrebbero non essere disposti a fare lo sforzo extra per verificare che le loro attività in background siano veritiere. La società afferma che analizzerà le informazioni fornite, ma a differenza dell’App Store di Apple, il processo di certificazione delle app di Google è per lo più automatizzato.

Avatar
Appassionato di tecnologia e videogiochi. Sono uno studente di Ingegneria informatica a tempo pieno, ma ho anche altri difetti.