Ferrari-richiama-oltre-2000-veicoli-per-problemi-ai-freni-in-Cina

La nota casa automobilistica Ferrari si è vista costretta a correre ai ripari. Secondo quanto è emerso, infatti, l’azienda ha deciso di richiamare oltre 2000 veicoli in Cina. Il motivo risiederebbe in alcuni problemi riguardanti i freni.

 

 

Ferrari ha deciso di richiamare oltre 2000 veicoli in Cina per alcuni problemi ai freni

Stando a quanto è emerso in rete, il noto marchio automobilistico Ferrari ha deciso di richiamare oltre 2000 veicoli in Cina. Come già accennato, la causa scatenante di questa decisione sarebbe riconducibile ad alcuni problemi riguardanti i freni. Nello specifico, il richiamo inizierà il 30 maggio e riguarderà i veicoli 458 Italia, 458 Speciale, 458 Speciale A, 458 Spider, 488 GTB e 488 Spider (in particolare quelli importati tra gli anni 2010 e 2019).

L’impianto frenante di questi veicoli sembra infatti essere a rischio di malfunzionamenti e di guasti. Questo poiché è stata riscontrata la presenza di un tappo del serbatoio del liquido dei freni. Proprio quest’ultimo potrebbe comportare la perdita del liquido dei freni e, di conseguenza, comporterebbe dei malfunzionamenti anche piuttosto gravi.

Ferrari ha comunicato quanto segue: “La sicurezza e il benessere dei nostri clienti è la nostra priorità. Operiamo secondo rigorose linee guida di sicurezza e protezione per garantire che i sistemi e le procedure corretti siano sempre in atto.”

In ogni caso, l’azienda garantisce a sostituzione gratuita del tappo del serbatoio del liquido dei freni dei veicoli coinvolti dal richiamo. Vi ricordiamo comunque che non è la prima volta che accade. A novembre del 2021, infatti, l’azienda aveva già avviato una campagna di richiamo negli USA e, anche in questo caso, la causa era la medesima.

Anna Lisa Ferilli
Grande appassionata di smartphone e tecnologia, attualmente sono editor presso www.tecnoandroid.it. Sono inoltre iscritta presso Università del Salento per conseguire la laurea magistrale in Lingue moderne, letterature e traduzione.