Unieuro folle: assurdo il messaggio che regala smartphone a tutti gratis

Da quando le truffe hanno preso piede in Italia mediante la tecnica del phishing, è davvero difficile scansarli. Unieuro, fenomeno vero e proprio nel mondo della tecnologia e degli elettrodomestici, ha visto il suo nome all’interno di una truffa incredibile.

Questa, che si sarebbe diffusa nelle ultime ore mediante un messaggio molto particolare, parlerebbe addirittura di un link dal quale sarebbe possibile ottenere smartphone gratuitamente. Come potete intuire, non c’è nulla di vero in tutto questo, ma solo la volontà da parte dei truffatori di portare a casa i vostri clic facendo di sottoscrivere senza saperlo abbonamenti a pagamento. Il masso trovate un termine di paragone molto importante, ovvero la descrizione reale presente sul sito vero di Unieuro. La stessa descrizione manca dal sito ricreato praticamente in maniera analoga a quella del colosso.

 

Unieuro finisce nella rete della nuova truffa ma solo prestando il suo nome inconsapevolmente

Sullo store potrai trovare moltissime offerte sull’elettronica in continuo aggiornamento per venire incontro alle esigenze più disparate: per quanto riguarda l’assortimento possiamo dire di essere uno dei migliori negozi di elettronica online, dove i nostri clienti possono fare shopping in totale sicurezza e comodità.

Una delle categorie più ricche è senza dubbio quella degli smartphone: sullo store di Unieuro è infatti possibile trovare le migliori offerte sui nuovi smartphone, approfittare delle diverse promozioni in corso e aggiudicarsi un nuovo e fiammante smartphone a poco prezzo effettuando l’acquisto direttamente da casa propria. Perfetto complemento agli smartphone sono poi i tablet: su Unieuro.it potrai trovare moltissimi tablet sottocosto e scegliere il modello che meglio può andare a complementare il tuo smartphone.”

Avatar
Appassionato di informatica dall'adolescenza. Nostalgico degli anni '90, quando per masterizzare un cd ci voleva mezz'ora e al posto degli instant messenger si usavano gli squilli sul cellulare.