samsung-prima-carta-credito-scanner-impronte-digitali

Samsung Electronics ha presentato la sua prima carta di pagamento biometrica all-in-one martedì 25 gennaio 2022. La carta utilizza un sistema di protezione delle impronte digitali all-in-one intelligente che combina un sensore di impronte digitali ed un processore sicuro. Ciò aggiunge un ulteriore livello di autenticazione per le carte di pagamento.

‘L’S3b512C è sviluppato principalmente per le carte di pagamento, ma può anche essere utilizzato in carte che richiedono autenticazioni altamente sicure come l’identità di studenti o dipendenti, l’appartenenza o l’accesso agli edifici’, ha affermato Kenny Han, Vice President of System LSI Marketing di Samsung.

Samsung utilizzerà questa nuova tecnologia in futuro

La nuova funzionalità di sicurezza dovrebbe consentire transazioni più rapide e sicure, in particolare quando si effettuano acquisti in negozio. Non dovrai preoccuparti di ricordare un PIN perché utilizza la tua impronta digitale. Ciò dovrebbe eliminare il rischio che attori criminali prendano le tue informazioni durante il checkout, rendendo più difficile che i dati della tua carta di credito cadano nelle mani sbagliate.

La nuova tecnologia si espande sulle basi precedenti stabilite per la funzionalità biometrica. Samsung intende combinare tutti gli elementi in un unico modulo in questa iterazione, che dovrebbe fornire una sicurezza aggiuntiva contro gli hacker.

Da un lato, le impronte digitali sembrano essere più sicure perché forniscono un segnale biometrico unico su cui la tua carta può fare affidamento. È fondamentale notare, tuttavia, che le impronte digitali, come qualsiasi altro tipo di accesso di sicurezza, possono essere replicate o riprodotte. Tuttavia, ciò non implica che le impronte digitali non siano sicure.

Nel caso delle nuove carte di pagamento Samsung, l’azienda ha incorporato una tecnologia che, secondo la società, aiuterà a prevenire lo spoofing e i tentativi di aggirare il sistema di sicurezza. L’approccio di Samsung utilizza una struttura dati crittografata che memorizza i dati delle impronte digitali in un Secure Element (SE) a prova di manomissione.

Naturalmente, dovremo aspettare e vedere quanto bene si comporta questa tecnologia nella pratica. Tuttavia, se funziona, dovrebbe creare un senso di sicurezza per coloro che vogliono passare a una carta con componenti biometriche.

Avatar
Appassionato di tecnologia e videogiochi. Sono uno studente di Ingegneria informatica a tempo pieno, ma ho anche altri difetti.