Tesla, Elon Musk, Model S, Model 3, Model X, Model Y, Cybertruck, Bitcoin

Dopo l’esperimento con i Bitcoin, Tesla si apre nuovamente alle criptovalute come strumento di acquisto. A confermare la notizia ci ha pensato direttamente Elon Musk con uno dei suoi soliti Tweet.

Nel cinguettio si legge che Tesla permetterà di acquistare parte del proprio merchandising utilizzando i Dogecoin. La criptomoneta nata da un meme sarà quindi una delle valute accettate sullo store ufficiale del produttore Californiano.

Possiamo ipotizzare che l’azienda stia testando l’utilizzo dei Dogecoin con prodotti e servizi minori per poi estendere la possibilità di acquisto anche alle vetture. L’azienda di Elon Musk ha quindi deciso di tornare sui propri passi dopo aver abbandonato il mondo delle criptovalute.

 

Elon Musk permetterà di acquistare il merchandising Tesla utilizzando i Dogecoin

 

Ricordiamo infatti che il produttore nel corso di quest’anno ha investito oltre 1,5 miliardi di dollari in Bitcoin. In seguito a questa mossa, i Bitcoin sono diventato uno dei metodi di pagamento accettati per acquistare una delle vetture disponibili.

Tuttavia l’esperimento è durato poco in quanto la criptomoneta è stata abbandonata per un preciso motivo. Tesla ha scelto di rimuovere i Bitcoin in quanto il mining causa un consumo esagerato di corrente elettrica. Per produrre l’energia necessaria vengono utilizzati combustibili fossili, specialmente carbone, causando quindi emissioni di gas nocivi e danneggiando il pianeta.

In seguito all’annuncio da parte di Elon Musk, il valore dei Dogecoin è salito vertiginosamente. Questa mossa da parte del CEO di Tesla continua a causare malcontento in quanto, secondo gli investitori, attraverso le dichiarazioni manipola il mercato e il valore delle criptomonete.

Alessio Amoruso
Economics & Marketing Student, Tech enthusiast, Star Wars Fan and Blogger