criptovalute bitcoin, phishing, email, truffa, euro, accountUn gruppo di hacker ha rubato quasi 200 milioni di dollari in criptovalute dopo aver violato la popolare piattaforma di trading BitMart.

La società ha confermato che circa una settimana fa si è verificata una “violazione della sicurezza su larga scala”. Il CEO, Sheldon Xia, ha affermato che la società risarcirà tutti gli utenti coinvolti. Le perdite stimate ammontano a 100 milioni in criptovalute sulla blockchain di Ethereum e ulteriori 96 milioni in criptovalute su Binance Smart Chain. Il bitcoin sembra essere al sicuro, per ora.

Attacco hacker simile ad una rapina in banca, rubati 200 milioni di dollari in criptovalute

BitMart inizialmente ha negato, dichiarando che i deflussi fossero semplici prelievi. Xia ha successivamente confermato l’attacco hacker, derivante da una chiave privata rubata che dava accesso a due dei portafogli digitali. “Nessun utente verrà danneggiato”. Le funzioni di deposito e prelievo sullo scambio sono state temporaneamente sospese, tuttavia dovrebbero riprendere in giornata. “Non ci sorprende che gli hacker prendano di mira la criptovaluta, in molti modi sono le nuove banche. Questo rende l’attacco una versione moderna di una rapina in banca con meno rischi e meno sforzi“.

“Poiché gli attacchi ransomware sono in aumento, gli scambi di criptovalute non faranno eccezione”. “La tecnologia che trattiene le criptovalute rende fin troppo facile rubare ingenti somme di denaro. Spesso con poca o nessuna traccia sull’autore del reato”, spiega Moore. “Quindi, è fondamentale aiutare a mitigare questa tendenza”. Ulteriori livelli di sicurezza, come l’autenticazione a due fattori, sono consigliati. Nonché ulteriore cautela quando si ricevono e-mail sospette che potrebbero essere tentativi di phishing.