la-casa-di-carta-ombre-trama-tratta-da-storia-vera

Nuove ombre deludenti calano sulla vera trama de La Casa di Carta. Sembra che non sia tutto oro quello che luccica in merito a originalità e creatività. Scopriamo insieme questo incredibile scoop che lancia alcuni dubbi sull’effettiva bontà e onestà dei produttori e creatori di una delle serie TV Netflix più amate e apprezzate al mondo. Ecco i dettagli se avete il coraggio di leggere l’articolo e non avete paura di cadere nello sconforto dopo una simile delusione.

 

La Casa di Carta: la trama sembra sia tratta da una storia vera

Scherzi a parte, dopo il tono catastrofico dell’introduzione, vogliamo affrontare un argomento che è sempre stato negato sia da Álex Pina che dai i suoi collaboratori. Qual è stata veramente la fonte d’ispirazione de La Casa di Carta? Davvero è tutto frutto del loro sacco e delle loro menti creative?

Nonostante le continue smentite della produzione, pare proprio di no, e vi spieghiamo il perché. La Casa di Carta sembra essere molto simile alla famosa rapina del secolo avvenuta in Argentina nel 2006. Un furto realizzato con successo e senza morti e feriti al Banco di Rio.

 

Troppe somiglianze con la rapina in Argentina del 2006

Era il 12 gennaio 2006 quando cinque ladri tengono in ostaggio 23 persone dopo aver fatto irruzione nell’istituto di credito. Non erano armati e non avevano alcuna intenzione di far del male a nessuno. Solo portare a casa 15 milioni di dollari. Come ne La Casa di Carta, la banda, in questo caso reale, ha saputo affrontare più di 300 agenti della polizia, pronti a fare irruzione da un momento all’altro. Il loro piano si realizzò nei minimi dettagli perché fuggirono con il malloppo attraverso un tunnel scavato in precedenza.

Non vi ricorda molto la trama de La Casa di Carta? Se già questi elementi cominciano a farvi dubitare sulla sincerità di Pina e degli altri, allora sentite questo. Infatti, proprio come nella serie TV Netflix, i rapinatori avevano un segreto che permise a tutti loro di farla franca fino a che la moglie di uno di loro, perché tradita, rivelò tutto alla polizia per vendetta.

Fuori dalla banca c’era un sesto criminale che, come il Professore, aveva organizzato tutto per filo e per segno. L’unica differenza da La Casa di Carta è che lui si faceva chiamare il Maestro.

Invece, per scoprire come andrà a finire per il Professore e la sua banda, non ci resta che attendere gli ultimi cinque episodi de La Casa di Carta 5 in arrivo il 3 dicembre 2021. Purtroppo però non vedremo più Tokyo all’azione insieme ai suoi compagni. Inoltre gli ultimi due video rivelano qualcosa di inaspettato.

FONTELibero Tecnologia