OnePlus, Logo, OPPO, Fusione, OnePlus 9, OnePlus 10, ColorOS, OxygenOS, OnePlus 7, OnePlus 8

In seguito alla fusione tra OPPO e OnePlus, i due produttori hanno scelto di coordinare i lavori di sviluppo software e adottare una unica interfaccia proprietaria sui veri device. Ecco quindi che in Cina, la HydrogenOS è stata sostituita con la ColorOS.

Il cambiamento ha riguardato per prima la famiglia OnePlus 9, ma l’azienda ha confermato che la ColorOS arriverà anche su altri device del brand. I precedenti flagship saranno aggiornati secondo una precisa roadmap che si svilupperà per tutto il 2022.

La prima metà dell’anno sarà dedicata alla famiglia OnePlus 8 e 8T con la fase beta e successivamente con la versione stabile. Stessa sorte toccherà ai device della serie OnePlus 7 e 7T che riceveranno le versioni beta e definitive nel corso della seconda metà dell’anno.

 

OnePlus aggiornerà con la ColorOS 12 anche i precedenti flagship

Fino ad oggi, le informazioni rilasciate dal produttore erano sempre molto vaghe, ma adesso possiamo avere una conferma più precisa. Sui device OnePlus interessati dall’update arriverà la ColorOS 12.

Questo significa che anche i flagship delle precedenti generazioni saranno aggiornati con l’ultima versione disponibile del sistema operativo di OPPO. Inoltre, i device riceveranno anche l’aggiornamento ad Android 12 con tutte le novità pesante da Google.

Ricordiamo che gli utenti dovranno attendere così a lungo a causa di una precisa scelta del produttore. OnePlus non vuole fare le cose di fretta ma intende adattare la ColorOS 12 alle specifiche hardware dei vari smartphone. Ecco quindi che la fase di test durerà a lungo proprio per evitare bug ed errori che possono rovinare l’esperienza finale.