Alieni: è il momento della verità, le creature extraterrestri sono vicinissime a noi

Questo dubbio amletico ha perplesso il mondo per anni, ma finalmente è giunta la verità sull’esistenza degli alieni. Insomma, esistono o no? Come spiegano gli scienziati dell’Università di Cambridge, dopo aver individuato una nuova classe di pianeti, “Gli alieni esistono ed entro due anni ne avremo la conferma“. È la clamorosa dichiarazione di alcuni scienziati dell’Università di Cambridge, dopo aver identificato una nuova classe di pianeti potenzialmente abitabili. Il loro nome è Hycean, sono caldi, con atmosfere ricche di idrogeno e caratterizzati da enormi oceani.

Alieni: è emerso un nuovo pianeta, ma come si chiama?

Un team britannico sta già cercando le “biofirme”, vale a dire le molecole che fungono da tracce di vita. Il dottor Nikku Madhusudhan ha dichiarato che “i pianeti Hycean aprono una strada completamente nuova nella nostra ricerca di vita nell’universo. Ci siamo concentrati su pianeti simili alla Terra, che è un punto di partenza ragionevole. Ma pensiamo che i pianeti Hycean offrano una migliore possibilità di trovare diverse tracce di biofirme. Trasformerebbe la nostra comprensione della vita nell’universo. Dobbiamo essere aperti su dove ci aspettiamo di trovare la vita e quale forma potrebbe assumere, poiché la natura continua a sorprenderci in modi spesso inimmaginabili“.

Secondo l’ex Presidente Usa gli Ufo sono un fenomeno che “va preso sul serio”. Obama dapprima ha ironizzato: “La verità è che quando sono entrato in carica ho chiesto: ‘Va bene, c’è un laboratorio da qualche parte dove teniamo esemplari di alieni e astronavi?’ La risposta è stata ‘no'”. Dopodiché ha precisato: «Ciò che è vero, e su questo sono serio, è che ci sono filmati e registrazioni di oggetti nei cieli che non sappiamo esattamente cosa siano. Non possiamo spiegare le loro traiettorie, non si muovevano con uno schema facilmente spiegabile». Quindi, ha aggiunto, «penso che la gente prenda sul serio il tentativo di indagare e capire di cosa si tratta».