alieni

Alcuni dicono che è ovvio dire che non siamo soli, altri rifiutano l’idea stessa e altri ancora racconteranno in modo ossessivo le proprie esperienze di rapimenti alieni dopo una passeggiata notturna. Ma nonostante questo, bisogna sempre far riferimento a fonti attendibili e probabilità matematiche (alcune di queste suggeriscono la probabilità di vita aliena). In questi giorni, lo scetticismo è più difficile da vincere, ma vediamo quali sono alcuni dei riferimenti che hanno fatto credere milioni di persone nella vita extra terrestre.

Prove antiche

È abbastanza facile cancellare dalla lista molti fenomeni recenti, come i palloni meteorologici scambiati per ufo, alle leggende che parlano di dischi volanti che stazionavano nel cielo, alle immagini di alieni messi su un lettino di ospedale. Ma ciò che è leggermente più difficile da respingere sono le antiche prove (cioè prima del National Enquirer). Nella Top 5 troviamo la “Madonna con San Giovannino“, altrimenti nota come il dipinto dell’UFO.

Creato nel XV secolo, raffigura la Vergine Maria e, sullo sfondo del dipinto, un uomo e il suo cane che fissano un oggetto simile a un disco sospeso sospettosamente familiare. E anche questo dipinto non è solo, con tutto, dalle antiche pitture rupestri alle pergamene sanscrite, tutte raffiguranti la vita aliena. Un avvistamento compare anche nella Bibbia nel Libro di Ezechiele. O questa è una prova convincente, o l’umanità ha una ricca tradizione di teorici della cospirazione.

Nel 1961, l’astronomo Frank Drake ideò un’equazione con la quale poteva stimare la probabilità dell’esistenza di vita aliena, tenendo conto di una serie di fattori tra cui il numero medio di pianeti in grado di supportare la vita e la convinzione che potrebbe continuare a sostenere vita intelligente. Il risultato: statisticamente dovrebbero esistere centinaia di migliaia di tali pianeti.

Avvistamenti irrisolti

Ci sono più avvistamenti registrati di UFO ufficializzati anche dalle forze militari. Ma nel corso della storia c’è stato un numero che è stato più difficile da spiegare, dall’avvistamento del 1853 da parte di un certo numero di studenti e professori nel campus del Tennessee College, al caso spesso citato di Stephenville Lights del 2008, con oltre 200 testimoni che hanno avvistato il UFO tra cui tre poliziotti rimasti anonimi.