Postepay: cosa succede se si abbocca al nuovo messaggio phishing

Postepay è uno strumento utilissimo per tutti gli italiani che desiderano avere sempre a portata di mano una carta di credito ricaricabile per effettuare gli acquisti della quotidianità, sia in rete che nei negozi fisici sul territorio. Poste Italiane assicura a tutti i suoi clienti i migliori standard per quanto concerne la sicurezza. Purtroppo, però, in alcuni casi dei malintenzionati potrebbero attrarre eventuali vittime con tentativi di phishing via mail fasulle e SMS.

 

Postepay, truffe consolidate con SMS e con le mail spam

L’attenzione del pubblico deve essere particolarmente alta proprio per gli SMS e le mail spam. Nella maggior parte dei casi, i cybercriminali attraggono gli utenti Postepay con delle comunicazioni dal grande impatto relative alla chiusura immediata del conto o a spese pazze mai effettuate.

Ovviamente non si deve fare l’errore di cadere nella trappola dei malintenzionati. Nella maggior parte delle occasioni, i cybercriminali attraverso questo pretesto cercano di entrare in possesso dei dati personali dei lettori in maniera rapida ed istantanea.

Cliccando sui link in allegato a questo genere di messaggi – link che si rivelano dei veri e propri boomerang – i clienti Postepay potrebbero anche mettere a repentaglio i loro risparmi. I malintenzionati, infatti, cercano anche un varco per entrare in possesso delle credenziali home banking del pubblico.

Per distinguere una mail veritiera da quella fake di Poste Italiane e di Postepay basta verificare il dominio: se speculare a quello ufficiale di Poste Italiane, la mail sarà attendibile. Sugli SMS, invece, ci si può cercare presso i canali assistenza ufficiali di Postepay.