I segugi degli affari sono sempre in agguato, e quelli di Apple e Netflix hanno fiutato la possibilità di intascare un Oscar col nuovo film di Jennifer Lawrence.

Secondo le indiscrezioni le due aziende si sarebbero date battaglia a suon di offerte per ottenere l’esclusiva nella distribuzione del biopic su Sue Mengers, un’agente di talento per molti registi e attori della New Hollywood degli anni ’60, ’70 e primi anni ’80. Scopriamo insieme tutti i dettagli.

 

Netflix ed Apple in guerra per ottenere due film

Per la pellicola, diretta da Paolo Sorrentino, si dice che una delle due parti abbia offerto 80 milioni di dollari e l’affare, non essendo ancora concluso, potrebbe portare a ricavi persino maggiori per Lawrence, Sorrentino e compagnia bella che, secondo diverse persone che operano nel settore, probabilmente non ne ricaverebbero di più, ad esempio attraverso la vendita dei biglietti al cinema. Per il momento sappiamo che Jennifer Lawrence reciterà nel film “Don’t Loop Up” di Netflix, dove sarà distribuito anche il prossimo progetto di Sorrentino, “The Hand of God”.

Apple, il cui catalogo TV ad oggi è lungi dall’essere ampio e variegato, ha lottato e sta lottando molto per accaparrarsi i migliori titoli disponibili, come ci dimostrano le 125 vittorie e le 503 nomination raccolte a poco meno di due anni dal lancio della piattaforma, che grazie a questi premi raccolti soprattutto con “Ted Lasso” e “Wolfwalkers“, ha ottenuto notevoli spinte allo streaming.

I film distribuiti da Apple non sono ancora molti, ma la multinazionale di Cupertino sembra disposta a investire ingenti somme per la distribuzione in eclusiva di buoni contenuti, come già fatto ad esempio con “CODA” e “Greyhound” di Tom Hanks. Non sorprende che per le produzioni più autorevoli e interessanti, come il prossimo film di Sorrentino con Jennifer Lawrence, spesso emergano gare al rialzo tra Apple, Netflix e a volte anche Amazon.