WhatsApp: ricarica gratis per tutti gli utenti TIM, Vodafone e Iliad

Le truffe in rete sono legate a doppio filo con WhatsApp. Durante gli ultimi mesi caratterizzati dall’emergenza pandemia, proprio attraverso la piattaforma di messaggistica istantanea tante persone sono state esposte ad una serie di truffe. Anche con la campagna vaccinale in corso in tutta la nazione, ci sono dei pericoli legati a WhatsApp.

 

WhatsApp, utenti truffati dai messaggi sui vaccini

Molte persone nel nostro paese stanno ricevendo attraverso messaggi WhatsApp alcune finte comunicazioni l’accesso alla campagna di protezione contro il Covid. I truffatori si fingono impiegati delle ASL territoriali ed invitano i lettori alla compilazione di un form, utile – stando a quanto si legge – per iscriversi alla vaccinazione contro il coronavirus.

Ovviamente, dietro tal genere di comunicazioni non vi è nulla di vero. L’obiettivo dei malintenzionati è solo uno: accedere a dati e informazioni riservate dei lettori. Tutte le informazioni ottenute attraverso il form in allegato al messaggio WhatsApp saranno poi condivise con call center o per altre operazioni a sfondo commerciale.

Ancora una volta, considerando la critica fase storica del nostro paese, è bene fare una sottolineatura. Allo stato attuale, WhatsApp non rappresenta alcun canale ufficiale per l’accesso alla prenotazione dei vaccini.

Gli italiani che desiderano prendere parte alla campagna di immunizzazione contro il Covid non devono quindi guardare alla chat di messaggistica, ma bensì ai canali ufficiali. Come risaputo, le diverse regioni italiane hanno messo a disposizione di tutti i cittadini degli appositi portali per la registrazione. Per assistenza infine è bene contattare le ASL o le ATS del proprio territorio.