che-fine-ha-fatto-sara-2-tante-sorprese-nuovi-episodi-stagione-2

Che fine ha fatto Sara è una di quelle serie TV che forse pochi ancora conoscono, ma che meritano di essere guardate tutte d’un fiato dall’inizio alla fine. Continuano ad aumentare i contenuti pubblicati nel catalogo Netflix. E non si tratta solo di nuovi titoli che già sono nella top ten, ma anche di nuove stagioni delle serie TV più apprezzate di sempre. Infatti, proprio ieri, è uscita su Netflix la nuova stagione di Che fine ha fatto Sara 2. Tante sorprese nei nuovi episodi per una serie TV che presto crescerà.

 

Che fine ha fatto Sara 2 è uscita ieri con tantissime novità

Ormai tutti sanno quanto le serie TV di produzione spagnola appassionino il pubblico di Netflix. Basti pensare a La Casa di Carta, un cult ormai in tutto il mondo. Non possiamo nemmeno dimenticarci di Sky Rojo o anche di Mar de Plastico, un titolo che forse è passato in sordina, ma che regala molte emozioni e suspense per la sua trama così misteriosa. Tra queste e altre che non abbiamo menzionato è arrivata anche Che fine ha fatto Sara.

La prima stagione di questo titolo è piaciuta così tanto che dopo poco tempo, non solo si è pensata alla seconda, ma addirittura è già disponibile. Sì perché proprio ieri sono stati pubblicati sulla piattaforma Netflix i nuovi episodi di Che fine ha Fatto Sara season 2.

 

Le novità della nuova stagione

Quali saranno le novità della nuova stagione di Che fine ha fatto Sara? Ovviamente non potranno mancare nuovi indizi per riuscire a capire chi ha ucciso Sara. Il fratello, unica persona impegnata nella ricerca della verità sull’omicidio, rischierà di tornare in carcere per la scoperta di un cadavere nel suo giardino.

Un nuovo personaggio sarà introdotto nella storia. Si tratta di Nicandro che renderà ancora più enigmatiche le vicende e la trama. Álex inizierà anche a conoscere diverse ulteriori verità su sua sorella e non solo. Durante i nuovi episodi di Che fine ha fatto Sara scoprirà che rapporto aveva sua sorella con la famiglia Lazcano e anche il suo vero carattere.

FONTEToday