twitch-abbonamenti-cambio-prezzo-canali

Il costo di un abbonamento a un canale di Twitch è da anni fermo a 5 euro al mese, ma qualcosa sta cambiando. Amazon ha deciso di rivoluzionare in buona parte il costo andando ad abbassare il prezzo per molti paesi. L’idea è di aggiustare questo costo al costo della vita del paese in cui si vive. Per ora è stato fatto in solo due paesi, ma in lista ce ne sono molti altri.

Attualmente quindi, in Messico e in Turchia il costo mensile di un abbonamento a un canale Twitch è di rispettivamente 2 euro e 1 euro, arrotondato al cambio attuale; il prezzo non convertito è di 48 pesos e 9,90 TRY. Molti altri paesi riceveranno questo aggiornamento nei prossimi mesi. Si parla di paesi dell’Africa, dell’Asia, dell’America Latina, ma anche dell’Europa.

 

Twitch: il cambio dei prezzi degli abbonamenti

Questa cosa sta già creando parecchio scompiglio. Per cominciare, normalmente il proprietario di un canale Twitch riceve metà del costo dell’abbonamento mentre l’altra metà va alla compagnia. Abbassando il prezzo vuol dire che i proprietari riceveranno di meno, molto di meno in questi casi. L’idea di Amazon è però che una minore entrata singola sarà compensata da un flusso più grandi di utenti che si abboneranno. Un altro aspetto importante è che mentre in media una persona risulta iscritta a uno o due canali, con questo aggiornamento i numeri potrebbero triplicarsi in tal senso.

Detto questo, c’è un punto debole. Un cambiamento del genere apre la strada ai furbetti. Cambiando il luogo di provenienza, e non è così difficile farlo, potrebbero sfruttare a proprio favore i prezzi più bassi per iscriversi ai canali Twitch anche non abitando nei paesi coinvolti. In sostanza, questa rivoluzione potrebbe aumentare le entrate per i proprietari dei canali o diminuirle di molto. Sicuramente lo scenario più probabile è quello a metà. Alcuni aumenteranno gli introiti, altri li diminuiranno.