WhatsApp: buono ESSELUNGA da 500 euro, ecco la spiegazione

Purtroppo quest’ultimo anno caratterizzato dall’emergenza Covid, ha ampliato ancor di più un già serio inerente a WhatsApp. Attraverso la piattaforma di messaggistica istantanea, sono in circolazione una serie di informazioni fasulle e fake news. In contemporanea con la campagna vaccinale in corso in tutta la nazione, stanno emergendo proprio in queste settimane messaggi preoccupanti su WhatsApp.

 

WhatsApp, utenti truffati dai messaggi sui vaccini

Tanti utenti in Italia hanno ricevuto proprio attraverso WhatsApp alcune finte comunicazioni per la possibile prenotazione di vaccini anti Covid. Fingendosi addetti delle varie ASL territoriali, i truffatori che si celano dietro questi messaggi WhatsApp invitano gli utenti a compilare un form per accedere alla vaccinazione contro il coronavirus.

L’obiettivo di questi cybercriminali è molto semplice. Spingendo verso la compilazione del form, i malintenzionati cercano di accedere a dati e informazioni riservate dei lettori. Queste informazioni hanno un’importanza strategica per tutti i malintenzionati. I dati infatti saranno rivenduti per motivi commerciali, attraverso i call center o ad altri attori attivi nel settore delle promozioni commerciali.

Per evitare brutte sorprese su WhatsApp, l’attenzione deve essere alta specialmente da parte di quegli utenti meno vicini alle dinamiche del web. E’ bene ricordare, in questa sede, che WhatsApp non è in Italia un canale ufficiale per l’accesso alla prenotazione dei vaccini.

Per la prenotazione dei vaccini contro il Covid quindi non ci si può rivolgere alla chat di messaggistica. Tutti coloro che hanno idoneità all’accesso alla vaccinazione devono registrarsi sui portali messi a disposizione dalle regioni. Per assistenza infine è bene contattare le ASL o le ATS del proprio territorio.