5-effetti-collaterali-pfizer-dosi-rischio

Pfizer è attualmente il vaccino più utilizzato in Italia come nei grandi paesi europei, e negli Stati Uniti. È considerato il più efficace nel prevenire i casi sintomatici di Covid-19 come nell’impedire quelli più gravi. È anche considerato quello più sicuro in assoluto nonostante sia effettivamente quello con più casi segnalati di effetti collaterali.

In realtà gli effetti avversi segnalati da chi ha ricevuto almeno una dosa del vaccino Pfizer sono molto blandi, bastì notare che il più comune in assoluto è una tenerezza anomala intorno al sito di inoculazione del vaccino. Si parla di più il 50% dei casi, e questo sballa completamente i valori. Per Pfizer la seconda dose può risultare più potente della prima a livello di effetti collaterali.

 

I 5 effetti collaterali più comuni dopo la prima dose del vaccino Pfizer

Andando ad escludere gli effetti collaterali locali di Pfizer, ma solamente quelli sistemici, il più comune è uno stato di fatica con un’incidenza del 5%. Si presenta generalmente dopo un giorno. A seguire, sempre con poco meno del 5%, l’effetto più comune è il mal di testa e anche in questo caso si palesa dopo un giorno dalla somministrazione.

Come con AstraZeneca, la terza reazione avversa più comune del vaccino di Pfizer sono i dolori articolari inusuali. L’incidenza è di poco meno del 2%. A seguire, a pari merito c’è la sensazione di freddo e brividi e il dolore inusuale ai muscoli. Si sta parlando di un’incidenza dell’1,5% circa.

 

I 5 effetti collaterali più comuni dopo la seconda dose del vaccino Pfizer

La situazione legata alla seconda dose del vaccino di Pfizer non è diversa per quanto riguarda gli effetti più comuni, ma è completamente stravolta a livello di incidenza. Per intenderci, la possibilità di sentirsi affaticato e avere un mal di testa salgono entrambi all’11% dei casi di somministrazione. Il rischio è più che raddoppiato.

Anche con gli altri tre effetti collaterali la situazione è pressoché la stessa. Il dolore inusuale alle articolazioni e i brividi si presentano nel 6% delle somministrazioni delle seconde dosi di vaccino Pfizer. Per il dolore inusuale ai muscoli si passa dall’1,5% delle inoculazioni al 4,5%.

Ovviamente questi effetti collaterali non sono un rischio per la salute. Sia per i giovani che per i più anziani, sono al massimo un fastidio passeggero. Compaiono tutti dopo il primo giorno della somministrazione e spariscono in poco tempo, nell’arco di poche ore a volte. I dati sono stati presi da uno studio pubblicato su The Lancet.