canone rai

Una delle imposte che gli italiani pagano certamente più malvolentieri è senza dubbio il Canone Rai, la tassa legata alla fruizione della televisione ad uso privato infatti divide sempre gli animi, da un lato chi non ha problemi a pagare, dall’altro chi invece non condivide il dover pagare un servizio che effettivamente  non si è scelto coscientemente di sfruttare, discordia tra l’altro fomentata dalla decisione di Rai di includere l’imposta nella bolletta della luce.

Tutto ciò ovviamente ha fatto nascere in molti il desiderio di sfuggire in qualche modo a questa imposta, entro i limiti del legale sia chiaro, cercando magari una qualche tipo di esenzione e di rimborso, in modo da evitare di pagare allo Stato un somma anche abbastanza nutrita ogni anno.

Questo desiderio ha reso ovviamente il Canone Rai l’esca perfetta da lanciare agli utenti nel tentativo di truffarli, con mail o SMS di phishing scritte appositamente e ovviamente pensate per trarre in inganno.

La mail sul rimborso che ruba il conto corrente

In questo caso come potete ben vedere, la mail di phishing è spacciata per una comunicazione ufficiale da parte dell’Agenzia delle Entrate che informa l’utente di un possibile rimborso sul Canone Rai a causa di un errore negli importi da pagare visualizzati.

In basso è presente poi un link che rimanda ad una fantomatica pagina dove richiedere il rimborso sul proprio conto corrente, quella è la pagina di phishing vero e proprio, su di essa infatti vi verranno chiesti i dati importanti del conto corrente al fine di rubarne tutto il denaro in esso contenuto.